Lega ladrona, la Repubblica italiana non perdona!! E neanche il cetriolo

Il cetriolo vola sempre più basso e dal Ministero delle politiche agricole è planato nelle sedi della Lega Nord a Milano e Torino. Bobo Maroni e Umberto Bossi si appellano all’immunità parlamentare (proprio quelli del partito del cappio per i corrotti) ma intanto stanno con le spalle al muro e le chiappe belle strette.

Noi lo sapevamo come andava a finire, i segnali erano chiarissimi: Lega ladrona l’intercettazione non perdona e 37 pizzicati allo “strategico” Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali… questa volta il cetriolo “rotola” e tocca a chi di dovere

La redazione di Leo Rugens

P.S. La campagna elettorale è cominciata e anche la resa dei conti

Lega Ladrona, la Repubblica italiana non è una vacca da mungere

Lega Ladrona, la Repubblica italiana non è una vacca da mungere

Quote latte, bancarotta e corruzione perquisita la Lega a Milano e Torino

La guardia di finanza di Milano, su ordine del pm Maurizio Ascione, ha perquisito le sedi della Lega Nord a Milano e Torino nell’ambito dell’inchiesta per bancarotta e corruzione con al centro presunte irregolarità sulle quote latte. A quanto si è appreso, anche Umberto Bossi e Roberto Maroni erano presenti in via Bellerio, nel quartier generale del Carroccio a Milano, durante le verifiche dei finanzieri (leggi articolo)