GLOSSARIO VATICANO – DA Ieromonaco A Irenismo

Capolettera_I

Ieromonaco

In Oriente, il termina indica un monaco che è anche sacerdote. Nei monasteri ortodossi c’è una minoranza di monaci sacerdoti.

Iletòn

Nella liturgia bizantina è il lino che ricopre l’antiminsion.

Imàn

O iràm, o imàno. ln arabo vuol dire “guida” e nella religione musulmana è colui che guida i fedeli nella preghiera. L’imàn è anche il capo della comunità. Per i musulmani sunniti il capo è il califfo, mentre per quelli sciiti è un appartenente alla famiglia di Maometto.

Immacolata Concezione

È un dogma di fede che si celebra il giorno 8 dicembre. Fu affermato da Pio IX proprio un 8 dicembre, nel 1854, con l’enciclica hnfallibilis Deus, che diceva: “…la beatissima Vergine, nel primo istante della sua concezione, per singolare grazia e privilegio concessole da Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo salvatore del genere umano, fu preservata immune da ogni macchia di peccato originale”. Questa verità trasformata in dogma fu ritenuta tale fin dai primi secoli come attestano San Giustino, Tertulliano, Sant’Agostino.

Incardinazione

É l’atto con cui un chierico viene accolto nel clero di una diocesi.

Indice

Con l’espressione “messi all’Indice” si indicavano i libri inseriti in un elenco speciale di “libri proibiti”, alle dirette dipendenze del Sant’Uffizio. Dopo il Concilio di Trento, Pio 1V pubblicò nel 1564 il primo Index dei libri proibiti. Nel 1576, Pio V istituì una Congregazione dell’Indice. L’istituzione è stata soppressa nel 1966 da Paolo VI, in linea con la svolta del Concilio Vaticano II.

Incarnazione

Questo termine indica che Gesù Cristo, seconda persona della Trinità, ha fatto propria l’umanità, prendendo un’anima e un corpo d’uomo. In San Giovanni si legge : “Il Verbo si fece carne” (Gv 1,14). La dottrina dell’incarnazione è stata oggetto di forti discussioni, a cominciare dagli inizi della storia cristiana. È stata messa in dubbio da diversi movimenti, definiti dalla Chiesa cattolica eretici, quali il docetismo, l’arianesimo, il nestorianesimo e il monofisismo. Ma i concilii di Nicea, Efeso e Calcedonia hanno affermato che Gesù, Figlio di Dio, è una sola persona ma con due nature: divina e umana. È consustanziale al Padre nella divinità, e consustanziale agli uomini nell’umanità. Ciò vuol dire che le due nature non sono confuse o separate, ma costituiscono la stessa persona.

Indulgenza

È un atto speciale di intercessione presso Dio con cui la Chiesa rimette le pene temporali maturate dai peccatori con le loro azioni. Un atto che presuppone il pentimento del peccatore come condizione per aspirare al perdono.

Infallibilità del papa (dogma della)

Si riferisce agli interventi del papa in materia di fede. Fu definito dal Concilio Vaticano I(18 luglio 1870): “Il romano Pontefice, quando parla ex cathedra, cioè quando esercita il suo ufficio di Pastore e Maestro di tutti i cristiani e, in virtù della sua suprema autorità apostolica, definisce che una dottrina in materia di fede o di costumi abbia da essere ritenuta dall’intera Chiesa, gode di quella infallibilità della quale il divino Redentore volle fosse dotata la sua Chiesa nel definire una dottrina in materia di fede e di costumi”. Dopo il Concilio Vaticano II, su questo dogma si è aperto un vivace e critico dibattito teologico che è tuttora in corso.

Infula

Le due strisce pendenti posteriormente dalla mitra vescovile.

In pectore

Si dice di un nuovo cardinale del quale il papa non vuole ancora rendere pubblico il nome. Fu Martino V a creare cardinali con riserva ossia in pectore.

Inquisizione

Ovvero quella rete di tribunali ecclesiastici, i cui giudici erano investiti grazie a una speciale delega papale della giurisdizione in materia di delitti contro la fede. Nel 1252, Innocenzo IV autorizzò addirittura l’uso della tortura per estorcere all’accusato di eresia una confessione. Con il pontificato di Gregorio IX, i tribunali inquisitoriali si moltiplicarono in Francia, Italia, Spagna, Germania, Paesi Bassi, Ungheria, Boemia. Vittime illustri furono: Giordano Bruno, mandato al rogo da Clemente VIII il 17 febbraio 1600, in pieno Anno Santo; Galileo Galilei, condannato nel 1633, per le sue teorie eliocentriche, poi risultate fondate. Le abolizioni di questi famigerati tribunali scattarono nel 1746 (Napoli), 1779 (Milano), 1782 (Firenze, Palermo), 1798 (Venezia), 1821 (Portogallo), 1834 (Spagna). L’attività inquisitoriale rimane nel Sant’Uffizio, trasformato da Paolo VI in Congregazione per la dottrina della fede solo nel 1966. Con il mea culpa pronunciato il 12 marzo del 2000, Giovanni Paolo II ha voluto liberare il cammino della Chiesa dagli intralci ancora pendenti di quel giustizialismo retrivo e oscuro.

Intercomunione

Facoltà della Chiesa di concedere ai propri membri la partecipazione alla comunione eucaristica in un’altra Chiesa. Nella Chiesa cattolica viene chiamata communicatio in sacris.

Introito

É l’ingresso cantato del sacerdote che dà inizio alla celebrazione eucaristica.

Iahvé

Nome di Dio di origine ebraica. Vuol dire: “Io sono, Io sarò con te” (Es. 3,14).

Irenismo

L’atteggiamento di chi cerca di scoprire nell’interlocutore punti di verità attraverso il dialogo. Il falso irenismo indica invece l’atteggiamento di chi sminuisce in campo ecumenico la portata dei problemi, arrivando a punti di incontro che però si rivelano fittizi.