Amore sacro e amor profano. Omaggio a Fabio Bucciarelli

Foto Fabio Bucciarelli

Foto Fabio Bucciarelli

Non se ne avrà a male Francesco I se propongo l’accostamento della sua figura a quella di due bellissime donne, ma sento di dovere fare un omaggio.

L’immagine della Home page di La Repubblica è stata colta da Fabio Bucciarelli e pubblicata su Facebook.  Fa riflettere. Chi vuole la legga come un segno. A me pare solo un caso.

Non è un caso però che sia stata colta al volo da Fabio Bucciarelli, l’autore di coraggiosi e intelligenti reportage di guerra. Sua è stata la prima immagine del cadavere di Gheddafi. Basta questo per segnare una carriera.

L’ho incontrato e scambiato alcune opinioni sulla necessità che il Mediterraneo diventi un luogo di pace, dopo averlo udito chiedere senza timore all’ing. Carlo De Benedetti perché la stampa italiana si rifiuti di riconoscere al fotografo lo status di fotoreporter. In altre parole, perché l’informazione italiana non riconosca la giusta dignità e lo spazio a chi documenta la verità in prima linea a rischio della vita piuttosto che delegare la cronaca dei fatti a giornalisti che descrivono gli ultimi istanti della vita di un dittatore a 300 km di distanza.

Buon lavoro.

Dionisia

Foto Dionisia. Accortisi della gaffe, La Repubblica toglie le pubblicità laterali

Foto Dionisia. Accortisi della gaffe, La Repubblica toglie le pubblicità laterali

Fabio Bucciarelli

Fabio Bucciarelli