Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati: giornalista, portavoce e, per Giuseppe Grillo, foglia di fico

125

Laura Boldrini è la nuova Presidente della Camera dei Deputati. Le auguriamo di rimanerlo per lungo tempo, sebbene non abbiamo nessuna fiducia che ciò possa accadere.

Ex giornalista della Rai, da vent’anni lavora per l’ONU e in quanto portavoce dell’Alto Commissariato ONU per i rifugiati si è meritata gli attacchi di Ignazio La Russa, che nel 2010 la appellata “criminale”. Dell’inqualificabile ex Ministro della difesa, responsabile del casino dei marò, non merita aggiungere una parola, della signora, invece, consigliamo la lettura dell’intervista che Io Donna le fece, il 17 aprile 2010, Se questi sono uomini di Cristina Lacava.

Non ci rimane che augurarle buon lavoro, forte del milione e 89mila voti che i cittadini hanno ritenuto opportuno dare al suo partito, il SEL, che con il 3,2% è una delle formazioni minori, tolte le pulci, presenti in Parlamento. Da notare che Boldrini è stata voluta fortemente dal Vendola Nichi in persona, che le ha risparmiato le forche caudine delle primarie. Chissà perché?

Concludiamo il discorso, richiamando l’attenzione sull’UNHCR e il budget di cui dispone (leggi qui), scommettendo che, al netto di tutti gli aiuti profusi, gli stipendi degli operatori siano all’altezza del loro impegno umanitario.

La redazione di Leo Rugens