Che succede in Abruzzo? Stimoli cancerogeni, a pagamento, per tutti?

Acqua

Veniamo a sapere che l’acqua di vasti territori abruzzesi risulterebbe contaminata dal cloruro di vinile, che sarebbe come dire, “stimoli cancerogeni” per tutti. Dimenticavo: a pagamento perché, come tutti sapete, l’acqua si paga e, anzi, costa sempre di più. Veniamo a sapere che alcuni sapevano, da anni, è hanno taciuto. Veniamo a sapere che, anzi, quei pochi che, con senso di responsabilità e rispetto delle leggi, hanno denunciato i fatti sono stati tacciati e denunciati per “allarmismo”.
Anzi, pare che, per premio e paradosso, i bugiardi complici degli avvelenatori (anche in questo caso la solita banda dei PD-PDL), hanno premiato uno dei responsabili di questo scempio attuato, in modo consapevole, contro la natura e quindi contro i cittadini indifesi, nominando tale Giuseppe Quaglia del PDL, sentite bene, presidente del Consorzio pubblico dei rifiuti di Sulmona. Mi sembra giusto e doveroso: neanche Cetto La Qualunque sarebbe riuscito a fare meglio. Vi riporto integralmente uno degli articoli dedicato dalla stampa nazionale a questo vero e proprio atto terroristico attuato a danno di tutta la collettività Mediterranea. Sì perché, l’acqua, come anche i cretini ormai sanno, scorre e, così facendo, arriva fino all’Adriatico, cioè al Mediterraneo. Non male per tutti gli abruzzesi che già non se la passano bene tra ricostruzioni che nessuno riesce a fare e amministratori regionali leggeri se non truffaldini. L’acqua va sorvegliata con un approccio culturale da Km.0, nell’interesse della propria collettività ma, soprattutto perché è un bene strategico dell’intera umanità. Non è lecito inquinare ma soprattutto è da cretini farlo.

Leo Rugens

Schermata 2014-03-27 a 20.01.53 Schermata 2014-03-27 a 20.02.30

Schermata 2014-03-27 a 20.02.13

Schermata 2014-03-27 a 20.02.30