Elezioni: c’è chi trionfa e chi si astiene

Ben detto,amico fausto; sicuramente meglio di come ho provato a fare io.
I numeri assoluti lasciano la speranza,prima o poi, di fare i conti. Ho deciso di aspettare quel giorno, certo che arriverà. Buon lavoro. Leo Rugens

Far di Conto

Si chiude questa malinconica tornata di elezioni – sia europee che amministrative – lasciando sul terreno vincitori e vinti. I dati vengono forniti direttamente dal Ministero dell’Interno, ormai abbastanza definitivi per le nomine al parlamento europeo. Al momento abbiamo davanti una netta affermazione della compagine del Pd di Matteo Renzi, con il 40, 81%; a seguire Grillo, deluso, al 21,16%. La vera scomparsa sembra, secondo alcuni commentatori, quella di Berlusconi: praticamente evaporato, fermo al 16,82%. Gli altri a seguire in disordine sparso: sorpresa interessante la lista Tsipras, che riesce a superare lo sbarramento per un soffio con il 4,03% dei consensi.

In pratica una affermazione Pd che mette tutti in riga, stando alle percentuali. Ma qui sappiamo contare, vero? Le percentuali son fatte di numeratori e denominatori, e forse qualcuno si è scordato di quantificarci i denominatori. I cittadini che hanno effettivamente espresso la propria preferenza per il Pd…

View original post 243 altre parole