Da un Vladimir all’altro: Putin fa l’alba in casa Berlusconi… senza mignotte

Chi è la bella signora alle spalle i Silvio?

Chi è la bella signora alle spalle i Silvio?

Il Vladimir di ieri si chiama Luxuria, quello di oggi Putin, al centro sempre lui: Silvio.

Il povero Litvinenko, che ebbe a che fare con Putin e non nascose di guardarlo dall’alto – lui agente operativo, l’altro uomo da scrivania e d’apparato – avrebbe mai immaginato che il presunto mandante del suo omicidio si sarebbe un giorno “accatenato” e aggrappato a un losco furfante dal tacco rialzato qual è Berlusconi Silvio? Se visualizzate la sequenza di immagini: Pascale-Silvio-Luxuria-Putin che ci ha regalato la stampa di recente, non avvertite un forte giramento di testa?

Possibile che al Cremlino, luogo di raffinate strategie e di intrecci che hanno ossessionato menti quali quelle di John Le Carrè o Frederik Forsyth e di migliaia di analisti, si aggiri, padrone incontrastato, un uomo dalla faccia paralizzata per la chirurgia plastica che frequenta un puttaniere seriale e protettore di minorenni a sua insaputa?

Di cosa avranno mai parlato i due? Di petrolio, di guerra, di trasfusioni di sangue, di lifting, di gas, di galera, di Ebola? Cosa cerca e cosa trova un agente del KGB di così importante, da non destare allarme tra le segrete stanze del potere russo, nel frequentare un arci italiano quale Sivio? Perché l’amministrazione USA tace fragorosamente in merito a queste frequentazioni?

Tutto ciò non è normale.

Se qualche gentile e appassionato lettore segnalasse il nome della bellissima signora bionda (forse l’interprete?) con mano infilata nella tasca dei pantaloni, alle spalle di Silvio, glie ne saremo grati; e ovviamente lo riporteremo.

La redazione