Matera è designata “Capitale europea della Cultura 2019!” Troppa grazia sant’Antonio si dovrebbe dire se non fosse che oggi è S. Ignazio di Antiochia. Siena ha perso anche questa opportunità!

Matera-2019-300x134

Matera è designata “Capitale europea della Cultura 2019”! Evviva! Complimenti affettuosissimi a tutti quegli amici colti e appassionati del Sud di qualità (bravissimo, tra gli altri, Ulderico Pesce che immagino soddisfatto ed impegnato in questa impresa) che hanno creduto, dal primo giorno, in questa opportunità. Alla faccia di quei mestatori che si erano annidati (se ben ricordo si steccarono circa 125.000 euro per far dire quattro cazzate ai soliti esperti) nel Comitato appositamente insediato, da tale Ceccuzzi Franco, a Siena, in piena campagna elettorale, nella primavera 2011. Che succede, calci in culo da tutte le parti? Sconfitti anche su questo fronte! Fusse che oggi fusse, venerdì 17, signori del MPS? Difficile essere nemici di Ipazia d’Alessandria, della Cultura e della Verità. Inoltre: ciao, ciao Federculture, Lungotevere dei Mellini, 10 – Roma, con la pelle dell’orso frettolosamente venduta (a che prezzo?) dell’elezione certa dell’asse Perugia-Assisi! Torneremo sull’argomento e sulle complessità implicite in questa impegnative affermazioni, sia per quanto riguarda Siena che le attività lobbistiche di Federculture a favore di una candidatura piuttosto che di un’altra. Difficile essere nemici di Ipazia alessandrina.

Ps: Dionisia, come potete leggere in altro post, la pensa diversamente da me. La verità è che Dionisia ha origini mitteleuropee ed io, viceversa, sono un vero terrone. E cose si capisce da questo post, sono fazioso e vendicativo. Comunque, sono felice che sia andata così. La speranza, come si dice, è l’ultima a morire.

OrestinoGranetto

 

 

 

 

Orestino Granetto