Il “Vanna Marchi” del Grande Oriente d’Italia, Stefano Bisi a La7: venghino signori, venghino! Abbiamo anche un sito internet!!

Torna la simpatica e brava Lilly Gruber. Il medico le ha vietato di invitare, in trasmissione, di nuovo, Stefano Bisi. Fosse anche per chiedergli se sa giocare a pallacanestro.
Leo Rugens/Oreste Grani

Leo Rugens

marchi2

Stefano Bisi a La 7 con Lilly Gruber e Roberto D’Agostino ha dovuto ammettere quello che da anni Leo Rugens sostiene: il Grande Oriente d’Italia é una associazione (in realtà, poco più di una bocciofila) non riconosciuta dalle “fratellanze” che contano nel mondo e, in particolare, da quelle “anglosassoni”. Dalle “Istituzioni Universali, infatti, i guitti nostrani, eredi di Licio Gelli e di Gustavo Raffi, sono considerati ciò che sono: delle “Vanna Marchi” che, come attività culturali primarie, studiano come “piazzare” arredi, manufatti da indossare, libercoli che abili importatori fanno arrivare nelle logge perché dei poveri gonzi li acquistino, a caro prezzo, ingrassando così, implicitamente, anche il Gran Maestro, che, con lo stipendiuccio di 129.000 euro (sarà proprio così ridotto?), giustamente, non può campare, dignitosamente! Sempre la frugalità di Giuseppe Mazzini mi torna in mente, quando sento queste cifre a proposito del “mantenimento” di striduli, inutili, fastidiosi orpelli…

View original post 88 altre parole