31°/La Calunnia – E se i cinesi cambiassero rotta?

Leo Rugens

Oggi è l’8 luglio 2015 e, da alcune ore, alla Borsa di Shangai, il 50% dei titoli è sospeso per eccesso di ribasso.

Avete idea di quanto finanziariamente, rispetto al borsellino di Milano, si movimenta in un ora da quelle parti?

Avete idea di quale significato potrebbero realmente assumere affermazioni  del tipo “il Dragone si è risvegliato e grazie al suo attivismo e alla scelta di avvicinarsi alla finanza e alle banche occidentali prepara a sconvolgere gli equilibri politico/economico/finanziari consolidatisi nel millennio da pochi anni terminato”?

Quanti degli arruffoni italioti sanno quale sia  in realtà la complessa architettura finanziaria che prende forma grazie al Fondo sovrano cinese, la Banca centrale e la relazione con il Comitato Centrale del Partito Comunista che guida il Paese?

Secoli addietro ( il 12 settembre 2012!) questo marginale e ininfluente blog ha postato l’articolo che oggi, alla luce del “maremoto” in corso ad Oriente, vi…

View original post 4.435 altre parole