Ma il sindaco Ignazio Marino c’è o ci fa?

CampidoglioEng

Per la prima volta mi chiedo amleticamente (si fa per dire) se Marino sia un personaggio semplicemente inadeguato o anche lui appartenga ad un mondo ambiguo se non, addirittura, condizionato dall’illecito. Come diversamente si deve interpretare la notizia che, in pieno agosto (il giorno di grazia 10 u.s.), qualcuno (ci dite nome, cognome, “grado”, retribuzione) ha fatto mettere in vendita 35 immobili comunali (case, negozi, magazzini) aventi una base d’asta di 16,5 milioni di euro e che gli stessi beni, vista la giornata “bizzarra” scelta (da chi quando come perché?) hanno riscosso solo 13 offerte d’acquisto per complessivi 2,6 milioni di euro?

Mafia o non mafia sbaragliata (come dite), questo approccio alla cosa pubblica mi suona ancora di stampo mafiosissimo. Anche tra i politici schierati con la Lista Marchini (uno che di palazzi e di beni immobiliari da mandare all’asta se ne dovrebbe intendere) c’è chi inorridisce per la smaccata “messa a tavola” a favore di alcuni ma – certamente – non delle casse esauste del Comune. Viene da dire semplicemente ricalcando il primo Grillo: “Ma chi volete prendere per il culo?”. E’ plateale che avete predisposto tutto perché i “vostri” potessero fare dei colpi e, a prezzi stracciati, si comprassero dei “gioielli” a Largo Corrado Ricci (a 50 metri da Via dei Fori imperiali) zona chiusa al traffico; a via dei Montecatini – Fontana di Trevi (pezzi unici al mondo) o prospicenti la “periferica degradata” Piazza Navona!

Non si può invocare trasparenza e discontinuità con Carminati/Odevaine/Buzzi e poi mettere all’asta – il 10 di agosto – i beni (e che beni!) comunali a prezzi stracciati mandando sostanzialmente deserta l’asta (tranne pochi colpetti tipo l’appartamento a Piazza Navona venduto a 1,5 milioni) consentendo ora la legittima seconda offerta ad un prezzo inferiore del 5% sulla cifra base richiesta il giorno 10. Che differenza c’è con il “metodo Schettini” del Tribunale Fallimentare di Roma? Che differenza c’è con il metodo “Carminati/Buzzi”?

Andiamo subito al voto, con le buone o con le cattive, o questi (ma chi sono?), senza che il sindaco Marino o il Governatore Zingaretti (che dice, a proposito, il fratello “Montalbano”?) se ne accorgano, non gli fanno trovare più la città stessa ai cittadini organizzati nel M5S quando stravinceranno le elezioni.

Oreste Grani/Leo Rugens