La Russia, l’ISIS e il terrorismo a go-go

vaticano-bandierai-isis

Oggi è il 10 novembre e il12 settembre 2015 questo marginale e ininfluente blog, ipotizzava una asimmetrica risposta dell’ISIS contro la Russia spacca tutto alla  GHE PENSI MI di berlusconiana memoria. E poi dicono che non si influenzano negativamente Berlusca e l’amico del cuore Putin?Torniamo all’attentato che tale abbiamo considerato dal primo istante in cui si è diffusa la notizia della tragedia. Facevamo i “califfi” un po’ più sofisticati e ipotizzavamo che avrebbero parlato prima a nuora perché suocera intendesse. Invece, non sono passati cinquanta giorni, dalle nostre previsioni, che quei cattivoni dell’ISIS si sono rivolti direttamente alla suocera per avvertirla di starsi al suo posto. Farsi trovare dalle parti del Sinai (sic) tanto impreparati sembra quasi incredibile. Lo aveva capito perfino Leo Rugens (cioè un pulce con la tosse) cosa stava per accadere mentre, dalle parti di Mosca, se è vero,, sono rimasti stupiti di tanta crudeltà. Non a caso ci hanno messo giorni ad ammettere di aver preso un cazzotto in pieno mento.

Oreste Grani/Leo Rugens.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXLa Russia scende in campo contro l’ISIS e spero che questa notizia non rassicuri nessuno che abiti nel cuore di città tipo Parigi, Madrid, Roma, Londra o centri minori degli Stati che hanno, quali capitali, queste belle città. Mi sembra che se i russi dovessero riuscire a fermare l’ISIS (in teoria tutto facile viste le proporzioni e la qualità degli armamenti) la guerra “asimmetrica” tra la gente (terrorismo a go-go)  potrebbe  avere un impennata e un estensione quale non ci si attendeva per qualche mese ancora. Saranno bizzarrie di questo marginale ed ininfluente blog ma se la morsa intorno ai Tagliatori di Teste dovesse stringersi in Siria/Iraq/Libano temo che ne vedremo di bruttissime dalle nostre parti o ovunque siano presenti nel mondo nostri interessi. Gli uomini del Califfo agiranno contro chiunque non voglia “consigliare” i russi di ritirarsi e farsi i fatti loro.

Schermata 2015-09-12 a 17.52.26

Comunque, nel gioco del risico mondiale, i russi (all’epoca sovietici) le hanno già prese dagli afgani e non è detto che per loro sia facile battere i guerrieri dell’ISIS che ora dopo aver istituito il Pubblico registro automobilistico, insediato Tribunali del Popolo, battuto monete d’oro zecchino, ho scoperto che redigono anche un mensile di ragionamenti geopolitici che dovremo considerare il loro organo di Stato. “Sedicente stato” come continuano a chiamarlo alcuni con una certa superficialità.

Oreste Grani/Leo Rugens

dabiq-la-rivista-isis-3-670665

La-copertina-dellultimo-numero-di-Dabiq-la-rivista-dellIsis

dabiq-la-rivista-isis-2-670664

dabiq-la-rivista-isis-4-670666