Jason LaMotte, con il suo film “The Library”, ci ricorda, con animo gentile e mano abile, che tutti dobbiamo passare

Schermata 2015-10-25 a 18.14.07

Nell’Inghilterra che ci piace (non quella dell’ipocrita guerrafondaio Tony Blair per intendersi), Jason LaMotte, un vero artista cultore delle immagini in movimento, con l’aiuto intelligente e determinante della “rete” che lo ha finanziato, ha ideato e dato vita ad un capolavoro The Library che vi prego di visionare. La biblioteca scelta come luogo metaforico non so dove si trovi ma al solo vederla, bella ed elegante come è, la si invidia ai suoi fortunati frequentatori. Storia delicata per tutti noi che dobbiamo “passare” senza alternativa possibile. Complimenti affettuosi ed ammirati all’autore. Colgo l’occasione per salutare Giuditta, compagna di vita di Jason, donna  leale e sensibile, madre consapevole del bellissimo Dylan, in attesa che il piccoletto diventi anche colto e intelligente, come mamma e papà.

Oreste Grani che non rimuove dalla sua “biblioteca personale” Giuditta e le parole grate che, anche recentemente, mi ha saputo offrire.

http://www.theguardian.com