In Nigeria 32 morti e 80 feriti per l’ennesimo attentato di Boko Haram

Schermata 2015-11-18 alle 20.28.41

 

Boko Haram, pur avendo una sua identità specifica, è organico e sinergico a quanto l’ISIS proclama. La Nigeria è paese forse più complesso di come i giornalisti italiani lo descrivono e ritengo che qualcosa ne dovrebbero sapere i diplomatici e gli uomini di quell’intelligence parallela che l’Eni da anni ha strutturato e che utilizza (bene o male) per proteggere i propri affari in quello stato. Il 29 settembre (L’ignoranza di Salvini) abbiamo postato un ragionamento in occasione del rifiuto del visto a quel mentecatto di Matteo Salvini che solo in un paese di mediocri quale ormai è il nostro può apparire a qualcuno un politico degno di nota. Ascoltatelo in queste ore fare la trombetta di Putin e capirete come sta messa l’Italietta.

Dicevamo che in Nigeria ci sono stati 32 morti e 80 feriti ma nessuna diretta e nessuna commozione né tantomeno spiegazioni su quanto ancora di più grave potrebbe accadere. Eppure la guerra di cui tutti ora scoprono la complessità si vince o si perde se paesi come la Nigeria cadono nelle disponibilità degli alleati del califfo. Ovviamente non solo la Nigeria ma riteniamo che sia più “pesante” e più probabile una capitolazione di quel Paese piuttosto che un presa della Bastiglia in chiave ISIS.

Oreste Grani