Il nostro traditore tipo e l’affaire Litvinienko

author-photo_le-carre_-c-anton-corbijn-2013-_custom-271938e10253048fded37ff8a5d1866316f0c584-s6-c30

Quegli intrecci di 007 e oligarchi che impediscono una vera rottura
A Londra 150mila ricchi espatriati. E i russi sono indispensabili per la pace in Siria

John Le Carré lo aveva tristemente annunciato con il romanzo Il nostro traditore tipo, denunciando i viziosi intrecci tra 007 che ammazzano altri 007 per favorire gli affari tra russi straricchi e Lord straccioni o peggio Primi ministri convertiti al cattolicesimo anche per avere il beneficio del lavaggio di coscienza tramite confessione. Che schifo Mr. Blair. Che schifo cari Lord.

La vicenda HSBC e la “lista Falciani” andavano nella stessa direzione ma oggi, a onor del vero, Cameron sembrerebbe avere leggermente modificato la posizione nei confronti della Russia, ma potrebbe essere solo fumo negli occhi, per quanto…

Da tempo sosteniamo che Putin abbia perso molta della sua forza e che i continui attacchi, soprattutto economico-militari, lo stiano fiaccando anche perché il Vaticano dovrebbe avere allentato il dialogo.

Vediamo come andrà a finire.

Da ultimo una riflessione sulla presenza calabra in terra britannica; farsela con la più potente organizzazione criminale del mondo e sporcare di altro sangue lo scettro a regnatori a nostro avviso non porterà fortuna, soldi di sicuro, non fortuna.

Dionisia