Mobilitarsi e agire “In nome della rosa” o di Ambra Angiolini?

Leo Rugens

sean-connery-in-una-scena-de-il-nome-della-rosa-31636

SOLO ORA CHE CI HA LASCIATI, MI RENDO CONTO DI QUANTE VOLTE HO PARLATO DI LUI E DEI SUOI SUGGERIMENTI STRATEGICI.

SPERO CHE OGGI EX NINFETTA AMBRA TROVI IL PUDORE E IL CORAGGIO DI SCUSARSI PER QUELLO SBERLEFFO CHE LE SUGGERIRONO DI FARE  NON TANTO AL MAESTRO MA ALLA CULTURA COME SPERANZA FUTURA DEL PAESE.

VINSE LO SBERLEFFO E TUTE LE PUTTANELLE D’ITALIA SI SENTIRONO AUTORIZZATE A SALTARE SUL CARRO DEL VINCITORE SILVIETTO NAZIONALE VOSTRO. ALMENO OGGI, MEDITATE.

ORESTE GRANI ANCORA IMBARAZZATO PER QUELL’EPISODIO.

OGGI 20 FEBBRAIO 2016

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Mancavano poche settimane al fatidico 27 marzo del1994, giorno in cui troppi Italiani scelsero Forza Italia e quello “spara balle” di Silvio Berlusconi, quando il filosofo Norberto Bobbio, si fece promotore di un appello contro la visceralità di una destra becera e rampante, tutta tesa a credere e a far credere che il futuro sarebbe stato fatto di milioni di…

View original post 652 altre parole

Annunci