NOAM CHOMSKY: la rappresentazione come realtà

Leo Rugens

Il 19/2/2015, la bella ed intelligente Zlabya (assistita da uno dei suoi fedeli gatti), postava, come brano da lei scelto, un pensiero di Noam Chomsky, sul tema della “montagna di bugie”che chi è al potere mette, quasi sempre, a copertura della verità.

I numeri relativi agli orrori e ai riti sacrificali che si destinano ai nemici, dai “negazionisti”, di tutte le specie, vengono trattati sempre nello stesso modo.

Cara Zlabya, sentiamo la mancanza della tua sensibilità, intuizione femminile, amore per il vero e il giusto. Carissima Zlabya, sentiamo la mancanza delle tue scelte artistiche e dello schiocco della tua caustica, perché saggia, frusta.

Ti aspettiamo nuovamente tra noi.

Con quel “delinquente” del tuo gatto. O gatti, come mi dicono ormai siano diventati.

Oreste Grani sempre più ammirato ed attratto dalla forte donna “ebrea” che è in te.

99-253080-000004

19/2/2015.

“È necessario inoltre falsare radicalmente la storia. È un’altra strategia per sconfiggere…

View original post 451 altre parole

Annunci