Il legame tra Matacena, Scajola, Rizzo ed Salvatore Buzzi è un indizio da approfondire. A prescindere dai suicidi dell’oggi

guardia-di-finanza

Si uccide un ufficiale della GDF è in troppi si ricordano che esiste un delinquente come Claudio Scajola e un personaggetto altrettanto inquietante come Amedeo Matacena. Una persona intelligente mi sollecita privatamente per sapere cosa ne pensi di questo “suicidio”. Evidentemente mi devo essere fatta una pessima o una buona fama su questi temi. Non conosco la dinamica del fatto e di come sia stato “realmente” trovato il cadavere di Omar Pace. La porta era chiusa dal di dentro e il collega, compagno di stanza, a cadavere freddo, ha aperto (così ci viene detto) con la propria chiave. Lasciamo perdere. Io posso solo ri-dare, alla rete e all’amica, uno spunto di riflessione non su questo episodio recente ma su quanto mi aveva incuriosito (diciamo pure insospettito) a suo tempo: come era possibile che un delinquente come Salvatore Buzzi (spero sappiate chi sia) assumesse posizioni pubbliche sulla vicenda Scajola, Matacena, Chiara Rizzo? Lasciate stare (per ora) il fresco suicida e, finalmente, qualcuno rilegga il mio post del 25/1/2015 e, di conseguenza, vada a rileggere il pezzo sublime ed inquietante del Buzzi che sollecita chiarimenti. Lui alla collettività!

Questo è il vostro Paese e in un Paese così, ovviamente, è anche possibile “far sparare” un ufficiale stressato, addolorato, confuso. Oppure no. Tanto si hanno buoni avvocati e soldi a strafottere per difendersi. Chiediamoci piuttosto quali fossero le motivazioni e i legami inconfessabili sotto-intese al pezzo comparso sul Magazine 29 giugno che unico nel web riprodussi evidenziando la traccia investigativa. Questo era ed è ancora oggi uno scoop, amica cara.

Oreste Grani/Leo Rugens


QUALI POSSONO ESSERE GLI INTERESSI CHE LEGANO CLAUDIO SCAJOLA, AMEDEO MATACENA E LA DI LUI MOGLIE CHIARA RIZZO CON L’ORCO ROSSO, SALVATORE BUZZI?

scajola

Che minchia c’entra l’articolo del “magazine” della 29 Giugno (che riproduciamo) con quanto è dato di leggere a proposito di Salvatore Buzzi? Perché un uomo che, in segreto, appare interessato solo al “soldo” (così Buzzi sembra emerge in tutta questa vicenda), si propone di capire cose di natura così particolare e lontane dai suoi interessi quotidiani? Cosa ci vuole dire, l’orco rosso, quando si fa garante dell’onorabilità e della fedeltà coniugale della signora Chiara Rizzo, moglie del fascistissimo calabrese Amedeo Matacena? E che dire dell’incursione a difesa di un atteggiamento giudiziario atipico quale è quello (anche in questa ennesima vicenda) di Claudio Scajola, già Ministro dell’Interno e super utilizzatore (anche in modo illecito) di dossier? In questa vicenda della “29 giugno”, l’aspetto che più mi comincia ad intrigare, dopo la cattiva e inaspettata sorpresa sulla sua “doppia natura”, è cercare di sapere chi dava ordini a chi, prima della retata. Mi intrigano più i rapporti tra Gianni Letta e Salvatore Buzzi, che quelli ovvi tra Riccardo Mancini,Massimo Carminati e Gianni Alemanno. Oltretutto, Riccardo Mancini è già fuori. Mi interessano più le relazioni istituzionali (Ministero di Giustizia) tra Emanuela Bigitti (già tra le persone che decisero di uccidere il 12 maggio 1980, Alfredo Albanese, responsabile, all’epoca, della Sezione antiterrorismo veneziana della Polizia di Stato, ritengo scelto perché, con dedizione e intelligenza, stava indagando sull’altro delitto efferato messo a punto negli stessi ambienti terroristici veneti contro Silvio Gori detto Sergio, alto dirigente della Montedison di Porto Marghera) e la “burocrazia” che deve sorvegliare la regolarità dello sconto delle pene alternative affidando, i “condannati”, proprio alla 29 giugno.

Più che un mondo di redenti, i vertici della 29 Giugno”, alla luce degli accadimenti rispetto al Ministero di Via Arenula, appaiono come il “Diavolo e l’Acqua santa”. Oppure, no e sono io che non capisco più niente? Mi son fatto vecchio e ancora mi sorprendo! Come Giancarlo De Cataldo, anch’io avrei giurato sulla buona fede della ex-brigatista Emanuela Bugitti. Alla Bugitti era stata fatta un’intervista (lunga e articolata), poco tempo addietro, dal periodico femminile per eccellenza della sinistra, testata di vecchia data e tradizione,”Noi Donne”. Un giorno vi riproduco il pezzo e mi saprete dire se si poteva sospettare della signora.

È proprio vero che, invecchiando, ci si rincoglionisce. Ho ben 12 anni meno di Gianni Letta, 11 meno di Silvio Berlusconi e 22 meno di Giorgio Napolitano eppure, loro sono lucidi e io, rincoglionito. Deve dipendere dalla vita che ho fatto, rispetto alla loro.

Oreste Grani/Leo Rugens

PS: mi permetto di segnalare al “cinese” Sergio Cofferati l’interesse che il galantuomo Salvatore Buzzi mostrava per il ligure, grande elettore di Raffaella Paita, Claudio Scajola.

Schermata 2015-01-20 a 12.41.07Schermata 2015-01-20 a 12.40.18

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...