Roberto Formigoni, Comunione e raccomandazione ovvero come e perché alla Mangiagalli sia morta una donna di 37 anni incinta di due gemelli

15614_ri_014101

La clinica Mangiagalli in via della Commenda a Milano

Milano, visite in tre ospedali poi muore donne incinta  assieme ai suoi due gemelli

Emorragia al sesto mese. Cesareo inutile. La vittima, 37 anni, Claudia Bordoni, si era sottoposta alla fecondazione assistita. La tragedia è avvenuta alla clinica Mangiagalli
di Simona Ravizza

corriere.it 29.4.16

Milano, 4 indagati tra medici e infermiere alla Mangiagalli per la morte della 36enne incinta di due gemelle

repubblica.it 3.5.16

Di chi è la responsabilità è la domanda più facile da fare mentre capire la semplice risposta: “Roberto Formigoni” è difficile da accettare.

Partiamo da un episodio del passato ossia dalle telefonate ricevute da un medico, G.V., nelle vesti di commissario chiamato a presiedere la selezione di primari e dirigenti in seno alle strutture ospedaliere milanesi una quindicina di anni fa. All’ennesima telefonata di Formigoni che suggeriva medici a lui graditi, ma inidonei per G.V., il medico si dimise sbattendo la porta, purtroppo non denunciando alle autorità (sarebbe servito a qualcosa?).

Posto che G.V. forte di una quarantennale esperienza preferiva abbandonare il campo piuttosto che avallare un incapace raccomandato dal capo di Comunione e Liberazione, altri accolsero l’incapace ai vertici di strutture ospedaliere pubbliche, come la Mangiagalli. C’è bisogno di spiegare altro?

image

Da una di quelle finestre il piccolo E. incominciava a osservare il mondo

Qui si apre una questione abbastanza semplice da capire, ovvero che la meritocrazia e non la spintocrazia è un fattore decisivo per determinare la sicurezza di qualsiasi attività e in generale la sicurezza del paese.

Tornando alla Mangiagalli e all’invasione di medici ciellini rigorosamente obiettori di coscienza per quanto concerne l’interruzione della gravidanza, non obiettori per quanto riguarda la scalata al potere alla faccia delle competenze e della vita di donne incinte, dovrebbe esservi chiaro di chi siano le responsabilità dirette o indirette della morte della giovane donna, posto che la medicina è un’arte e non una scienza. Per quanto un Raffaello o un Picasso sono artisti mentre un madonnaro rimane un madonnaro.

Dulcis in fundo, la donna fu visitata prima al San Raffaele ospedale del super prete mascalzone Don Verzè, uno che ha lasciato un buco nei conti tale da spaventare Unicredit e obbligare lo IOR a intervenire. Di che parliamo?

Dionisia

P.S. Nel gennaio 2002 una donna incinta a poche ore dal parto e sotto monitoraggio, dopo alcune ore segnalò che l’apparecchio era guasto… alla Mangiagalli.

IngrandimentoMDP1024-1080x1032

Vergine madre, figlia del tuo figlio,

umile et alta più che creatura,

termine fisso d’etterno consiglio;

tu se’ colei che l’umana natura

nobilitasti sì, che l’suo fattore

non disdegnò di farsi sua fattura.

Annunci