A proposito di De Luca: al vecchio giustiziere che è in me questa sera bolle il sangue nelle vene!

schermata-2016-09-10-a-19-52-57

Questa sera me la rischio! Ma uno che ne ha fatte più di Carlo in Francia, come il sottoscritto, che è arrivato, il 20 giugno del 1978 (Moro era stato ucciso il 9 maggio) a farsi “sorprendere” ed arrestare “armato” (rigorosamente una Beretta 7,65)  davanti alla RAI di Viale Mazzini (erano le 17:00) pur di entrare in carcere da credibile e pericoloso eversore per continuare, in realtà, la sua attività di attenzione al fenomeno complesso del terrorismo italiano e non solo, se ne può sbattere, alla veneranda età di 70 anni, di minacciare pubblicamente quel delinquente di Vincenzo De Luca.

Ho amicizie campane che da tempo mi dicono che sei un gran mascalzone e che l’unico modo per fermarti è quello di abbatterti.

Mi sembravano esagerazioni ma ora apprezzo l’intuizione di quell’amico.

Con gentaccia come te si può solo mettere il colpo in canna e passare alle vie di fatto. Ti regge il culo perché a questa nostra gioventù non bolle più il sangue nelle vene e rischi di morire nel tuo letto.

A meno che la Madonna di Pompei non ci faccia la grazia!

Oreste Grani/Leo Rugens

Advertisements