Che la cena al Vascello strozzi Stefano Bisi grande amico e complice del povero David Rossi. Quando era vivo.

vascello-villa

Cari ex arroganti azionisti del MPS oggi le vostre azioni, se ancora ne avete, valgono 0,18 euro l’una. Quando (primavera del 2011!!!!) gli ipaziani vennero a Siena a dirvi che sarebbe finita così se non foste riusciti a scrollarvi di dosso la guida di mascalzoni come Franco Ceccuzzi, Giuseppe Mussari, Stefano Bisi sotto la regia di Denis Verdini e massoncelli pre-giudicati del tipo, ci avete respinto in malo modo coprendoci di insulti. I cannibali ve li siete colpevolmente scelti tenendovi, come strateghi, quattro mascalzoncelli ladroni. Vedremo se vi siete scelti solo dei ladri o anche degli assassini. Perché, non ve lo dimenticate, Davis Rossi, dopo aver distribuito 350 milioni di euro della banca (quasi quanto oggi vale tutto il MPS cioè 512 milioni a fronte di 27 miliardi di crediti inesigibili!!!!!!!!!!!!) in inutili, sterili, mal elaborate campagne pubblicitarie, è anche volato dalla finestra, novello Pino Pinelli. Rimaniamo in fervida attesa di sapere se a Siena si aggirano oltre che un buon numero di grulli e di farabutti, anche degli assassini di ex complici pentiti.

Buon (scusa il ritardo) “20 settembre”, giorno eroico indimenticabile per la libertà d’Italia e per l’apertura e l’abbattimento dei cancelli del Ghetto di Roma, caro Stefano Bisi.

Che la cena che ti sei goduta ieri al Vascello, pagata con i soldi dei fratelli creduloni, ti avveleni a lento rilascio come si fa per le esche dei ratti norvegesi.

E che questo avvenga mentre dimentichi l’amico/fratello Rossi, complice di mille distrazioni del denaro degli azionisti del MPS, mascherate da budget versati alle testate che tu dirigevi perché i cittadini di Siena nulla venissero a sapere delle azioni di saccheggio della banca più antica del Mondo.

Ripeto: che la cena ti avveleni perché ad affidarsi a vendetta massonica (essendosi estinti i massoni) ci facciamo vecchi.

Oreste Grani/Leo Rugens che, nella primavera del 2011, nel nome di Ipazia alessandrina e di Mario Luzi (ricordi le macerie pre-viste dal poeta?) inutilmente tentò di scuotere i senesi prima che fosse troppo tardi. Grani e, per la verità, i ragazzi del M5S che raccolsero alle elezioni per il sindaco (quelle da cui uscì eletto l’inqualificabile Franco Ceccuzzi) poco più del 2%. Altri tempi in tutti i sensi.

Advertisements