Comincia la resa dei conti tra Ablyazov e gli alleati di Nazarbayev

schermata-2016-12-14-alle-10-12-56-am

Ablyazov o Abliazov, alla francese, è libero e ha ripreso la sua marcia alla conquista del Kazakhstan, favorito dall’età, come sottolinea spietatamente:

Il est vieux [76 ans], il est au pouvoir depuis vingt-six ans, tout le monde en a marre. Il vole par milliards, ses enfants aussi, et tout le monde le sait. Les gens sont fatigués du mensonge, de la corruption, de la pauvreté.

La ricetta per rovesciare l’anziano leader, ancor più inelegantemente, è così espressa:

Ce pouvoir ne peut être changé que par la force, Nazarbaïev ne le lâchera pas volontairement. Mais il suffit de 50 000 personnes dans la rue à Almaty. Il suffit d’arrêter Nazarbaïev et un cercle étroit autour de lui. Je nous donne trois ans maximum.

Dopo tre anni e mezzo di detenzione, va notato, il primo affettuoso pensiero dello scacchista è tuttavia rivolto a Putin, accusato, tra le righe, di averlo prima protetto poi scaricatoe ora intenzionato a liquidarlo.

Il secondo sassolino che si leva dalle scarpe porta il nome di Bernard Squarcini e dei magheggi o mandrakate che le lobby francesi di potere hanno tramato ai suoi danni:

La France a décidé de ne pas s’intéresser au fond de l’affaire, mais de respecter la convention d’extradition avec la Russie. Et c’est toute la force des lobbys. Le fameux Squarcini [Bernard Squarcini, l’ex-parton de la DCRI, aujourd’hui DGSI, les renseignements intérieurs] a coopéré avec les agents du pouvoir kazakh. Une enquête est en cours sur la collusion entre des magistrats français et l’accusation. C’est aussi une histoire d’intérêts français en Russie, et un peu au Kazakhstan. Rien de personnel, juste du business.

“Niente di personale”, ecco come elegantemente, si fa per dire, Abliazov denuncia gli accordi segreti, si fa per dire, che ha preso con i francesi, i quali, è bene ricordare, non sapevano che pesci prendere, evidentemente dilaniati da lotte interne.

Liberation, da cui sono tratte le citazioni, omette di dire che Squarcini è stato arrestato il 26 settembre 2016 con accuse pesantissime…

Ci domandiamo che parte abbia Vincent Bolloré e la sua Havas in tutta questa vicenda, ma forse la risposta la sappiamo e la leggiamo anche nello scontro in atto sulla scalata a Mediaset.

A quando una intervista in italiano all’uomo che vuole farsi re del Kazakhstan? Forse il neo ministro degli Esteri, Alfano Angelino, qualche preoccupazione potrebbe cominciare ad averla.

Dionisia

Annunci