Archivio Mensile: aprile, 2017

Elicotteri a go-go. Ma solo come piace a loro

La Rete, ad alcuni piace e ad altri molto meno. Ad alcuni, per niente. A noi, che pur l’abbiamo subita come luogo di diffamazione, piace moltissimo e la consideriamo la vera agorà telematica… Continua a leggere

L’Egitto macchiato non solo dal sangue dei cristiani: Giulio Regeni, martire dell’intelligenza e dell’interesse nazionale

Se i blogger hanno una coscienza, io la mia me la sento a posto. Intendo dire che parlo della “centralità” dell’Egitto, da quando scelsi per la “fabbrica d’idee” a cui diedi vita, anni… Continua a leggere

I poveri bambini siriani non c’entrano nulla!

Questo Trump ha deciso che non si farà parlare dietro da nessuno. Se dice che, da ora in avanti, tutti devono fare i conti con lui e gli USA, come lui ritiene debbano… Continua a leggere

Guerre vicine, guerre lontane: l’amata Siria e la misteriosa Corea!

Dichiarava, lapidariamente, anni addietro, dalle pagine di Limes, il generale Fabio Mini: “Sessanta anni di confronto militare hanno reso ogni ipotesi di conflitto armato in Corea un gioco a somma zero, senza vinti… Continua a leggere

Raccogliere l’eredità di Adriano Olivetti è cosa complessa e transdisciplinare

In un mondo in cui esiste una difficoltà emotiva nel credere che la propria singola esistenza sia priva di significato (posizione che fino ad oggi una certa scienza tendeva a confermare facendoci sentire… Continua a leggere

Scorre il sangue nei luoghi di culto cristiano, in tutto l’Egitto

Ho fatto riferimento in altri post alla tragedia di Ipazia, filosofa e scienziata, trucidata ad Alessandria d’Egitto, per volontà del vescovo Cirillo, nel 415 dopo Cristo. Ne ho parlato altre volte citandola per… Continua a leggere

La guerra è, sempre, una cosa atroce

Originally posted on Leo Rugens:
Bambina in Congo La guerra è una cosa atroce e quando va bene, genera morti, mutilati, stupri, saccheggi, fine di civiltà, trafugamento di beni culturali, rancori eterni, menti…

“Siria un macello a cielo aperto” due, tre, quattro, cinque, sei, sette, mille, duemila, centomila

Originally posted on Leo Rugens:
Aleppo “Siria un macello a cielo aperto”, recitava, il 20 ottobre del 2015, il titolo di un post a firma della saggia, attenta Dionisia, autrice di un ragionamento…

Noam Chomsky: la guerra del Golfo

Originally posted on Leo Rugens:
IL 6 MARZO 2015, USAMMO IL PENSIERO ALTO DI NOAM CHOMSKY PER NON DIMENTICARE CON CHE LEGGEREZZA/PESANTEZZA SI FOSSERO MOSSI GLI USA. LA MEMORIA E’ TUTTO, ORA PIU’…

Al “povero” Balducci hanno sequestrato 9 milioni di euro

Si dice, semplificando la complessa arte dell’investigazione, che tre indizi facciano la possibilità che uno sia colpevole di qualcosa. Dico questo perché ho la sensazione che non sia la prima volta che spunti… Continua a leggere

La Juventus piace perché è signora e anche puttana? 

Ambienti juventini prima della ‘ndrangheta. “Noi eravamo nati prima della famiglia Agnelli, nel senso che l’industria tessile è nata prima di quella automobilistica. La famiglia Mazzonis aveva conquistato una situazione vantaggiosa, molto vantaggiosa,… Continua a leggere

La Repubblica che sarà. Ovviamente a cinque stelle dal momento che uno “stellone” solo non basta più

Certamente tutti avete pensato – e chissà quante volte – che non se ne può più di una situazione in cui l’effetto di deresponsabilizzazione nelle amministrazioni dello Stato è all’ordine del giorno. Questo… Continua a leggere

Affermo di aver allestito (per una sera) una discoteca all’aperto, in via della Conciliazione

Qualcuno mi ha sentito raccontare, nei luoghi dove ancora mi fanno entrare, nonostante la pessima fama che mi precede, che un giorno lontano, ho deciso di trasformare, per una notte, Via della Conciliazione,… Continua a leggere

Sovranità e Indipendenza a cinque stelle

Ci siamo, amici pentastellati: la politica estera è tutto e quanto avete cominciato a fare per ragionare di geopolitica ci dice che siete sulla strada giusta. Lunga, sconnessa, in salita ma l’unica percorribile.… Continua a leggere

C’è trippa pe’ gatti. Finché non li fermiamo … a qualunque costo!

Non ci dispiace per niente quello che leggiamo! Non solo non ci dispiace ma ci sembra anche presentato in modo chiaro, professionale, ben assistito da una impaginazione grafica che sotto intende sensibilità e… Continua a leggere

Enrico Mattei proviamo ancora una volta a capire chi uccidendolo ha venduto il futuro dell’Italia

Parlare di sovranità nazionale, di politica estera, di futuro dell’Italia, dentro o fuori di una qualunque Europa, senza aver approfondito il caso della morte di Enrico Mattei, è scelta velleitaria  per chi avesse responsabilità… Continua a leggere

A me questi Buzzi e Carminati, sia pur nella loro dimensione criminale, mi sembrano due topolini

Alla fine la montagna giudiziaria partorì il topolino. Anzi, ad essere precisi, due topolini. Uno dei due mouse è che esistesse un “sistema Buzzi” che si articolava, da anni, intorno alla pulizia dei… Continua a leggere