Un’intervista serissima al filosofo Alain Deneault sulla mediocrità al potere

Temi che ci sono cari (meritocrazia, eccellenza, mediocrità) vengono trattati con abilità (le buone interviste le fanno, tra l’altro, le buone domande), in un’intervista sul quotidiano La Stampa di Torino, da Sara Ricotta Voza. L’intervistato è il filosofo Alain Deneault di cui troverete a seguire anche una breve biografia. Torneremo sul trittico della meritocrazia, della mediocrità e dell’eccellenza. Torneremo, se ne avremo le forze e la capacità, sulla necessità che si organizzi, per l’Intelligence e la sicurezza dello Stato, un corpo scelto di eccellenti, addestrati all’arte del sapersi ritrarre e dediti a saper dire di no ai mediocri. Che proditoriamente si sono impadroniti del potere.

Oreste Grani/Leo Rugens


Schermata 2017-06-13 a 08.44.04Schermata 2017-06-13 a 08.44.35Schermata 2017-06-13 a 08.44.56Schermata 2017-06-13 a 08.45.14


Alain Deneault (nato nel 1970) è un autore francese canadese di Quebec . È conosciuto per il suo libro Noir Canada: Pillage, Corruzione e Criminalità in Afrique e gli atti legali che hanno seguito la sua pubblicazione.

Deneault è nato a Outaouais , Quebec. Ha un dottorato di ricerca presso il Centre Marc Bloch di Berlino e un dottorato in filosofia dell’Università di Parigi 8 sotto la supervisione di Jacques Rancière . I suoi studi si sono concentrati sulla filosofia della Germania ottocentesca e della Francia del ventesimo secolo, in particolare l’opera di Georg Simmel. Vive a Montreal, dove è un istruttore di sociologia presso l’Université du Quebec, affiliato con il dipartimento di scienze politiche.

Ha scritto diversi libri su temi legati alla finanza internazionale , alla globalizzazione, alle corporazioni transnazionali e ai paradisi fiscali delle società. Nel 1999, Deneault era un oratore della globalizzazione al Millennium Round della Conferenza dell’Organizzazione mondiale del commercio a Seattle. Il libro Noir Canada: Pillage, corruzione e crimine in Afrique , scritto da Deneault, Delphine Abadie e William Sacher, pubblicato nel 2008 da Les Éditions Écosociété Inc., riguarda le attività delle aziende minerarie canadesi in Africa.

A seguito della pubblicazione di Noir Canada , la società mineraria Barrick Gold ha inviato Écosociété una lettera minacciosa circa le presunte inesattezze nella descrizione del libro di sfratti nella miniera d’oro di Bulyanhulu in Tanzania nel 1996. Il lancio del libro è stato posticipato, ma l’editore è riuscito a distribuire 1.700 copie. Barrick ha depositato un’azione legale di 6 milioni di dollari contro gli autori e l’editore per il ribrezzo.

La causa è stata considerata da alcuni come causa strategica contro la partecipazione pubblica (SLAPP). Il 12 agosto 2011 il giudice superiore del Quebec ha dichiarato che “Barrick sembra aver cercato di intimidire gli autori”, che il giudizio era “apparentemente abusivo” e che Barrick doveva pagare agli autori e all’editore 143.000 dollari per preparare la propria difesa. Il 18 Ottobre 2011 Barrick, gli autori e l’editore hanno raggiunto un regolamento fuori dal giudice che includeva un pagamento a Barrick e cessava la pubblicazione del libro. Deneault ha detto ai media che gli autori avevano accettato l’accordo per porre fine ai procedimenti legali, affinché potessero “tornare ad avere le nostre discussioni nella sfera pubblica, anziché all’aula di tribunale”.

Nel maggio 2008 è stata formata una coalizione di organizzazioni del Quebec per spingere la legislazione anti-SLAPP. La causa Barrick contro Écosociété (che ha aderito alla coalizione) ha contribuito a portare la consapevolezza alla causa. Il 4 giugno 2009 Quebec adottò una legge anti-SLAPP denominata “Un atto di modifica del codice di procedura civile per prevenire l’uso improprio dei tribunali e promuovere la libertà di espressione e la partecipazione dei cittadini al dibattito pubblico”.

Nel giugno 2008 un’altra società mineraria, Banro Corporation, ha citato in giudizio gli autori e l’editore per i contenuti di diffamazione supposti in Noir Canada , per $ 5 milioni. L’accusa si è svolta nei tribunali di Ontario, nonostante il fatto che siano stati distribuiti meno di 100 copie del libro in provincia. L’editore ha fatto appello alla Corte Suprema per rimpatriare la causa a Quebec, in parte a causa della sua nuova legislazione anti-SLAPP, ma è stata negata. Nel 2013, i procedimenti si sono conclusi con un regolamento extragiudiziale che ha coinvolto Écosociété pagando un indennizzo a Banro.

Nel febbraio 2010 Barrick Gold ha inviato una lettera che ha minacciato l’azione legale a tutti coloro che sono stati coinvolti nel libro Imperial Canada Inc.: Legal Haven of Choice per le industrie minerarie del mondo, traduzioneinglese di un libro di Deneault e William Sacher, anche sull’industria mineraria canadese .

Annunci