Si apre una ulteriore fase della stagione politica: auguri ad Angelo Tofalo, al M5S e all’amico Alberto Massari

intelligence1

Sapete che il nostro cuore tifoso, fazioso, ghibellino, giacobino, malandrino, grillino batte per il mondo pentastellato ed in particolare per i cittadini che da oltre quattro anni si battono nel Parlamento Repubblicano per la difesa di quello scampolo di democrazia che è avanzata. Spesso, da vecchio mugugnatore (termine per ricordare Genova dove ho vissuto una stagione bellissima della mia vita e fare implicitamente omaggio al fondatore del MoVimento, Giuseppe Grillo), mi sono lamentato della irresolutezza con cui si è agito (qualche calcio in culo in più lo avrei fatto volare!) ma certamente non posso lamentarmi di come, tra tanto schifo e inadeguatezza del resto del ceto politico italiano, alcuni dei pentastellati hanno saputo/voluto agire. Ho votato M5S e, per questo, rivoterò M5S.

Dal 18 dicembre 2015, lo sapete, con particolare affetto e partecipazione, seguo le manifestazioni indette dal cittadino parlamentare, membro della Commissione Difesa e del COPASIR, Angelo Tofalo. Domani, 21 luglio 2017, di mattina presto, di venerdì, con un cazzo di caldo che spinge fuori città verso il mare, Tofalo ha convocato/organizzato, con una determinazione che gli fa onore, un convegno dove prenderanno la parola esperti di intelligence non solo italiani: 

Angelo Tofalo, IV Commissione Difesa e COPASIR, introduzione alla giornata di lavoro

Adriano Soi, ex Prefetto e ora docente di Security studies, parlerà dei “Servizi Segreti” dellaSpagna

Leo Taddeo, già Legal Attaché per l’FBI in Ambasciata Usa a Roma, parlerà dei “Servizi Segreti” degli Stati Uniti

Alfredo Mantici, già capo del Dipartimento Analisi del Sisde (oggi AISI), parlerà dei “Servizi Segreti” del Regno Unito

Yaakov Amidror, Generale, per 4 anni a capo del National Security Council, parlerà dei “Servizi Segreti” di Israele

Alberto Massari, presidente dell’associazione HUT8, parlerà dei “Servizi Segreti” in Francia

Aldo Giannuli, storico e già consulente di diverse Commissioni Parlamentari, parlerà dei “Servizi Segreti” della Russia, della Cina e delle trasformazioni dell’Intelligence mondiale in questo ventennio.

David Alvarez, storico, autore del libro “I Servizi Segreti del Vaticano”, professore dell’Università della California, parlerà dell’Intelligence Vaticana

Andrea Margelletti, Presidente del Ce.S.I., Centro Studi Internazionali parlerà dei “Servizi Segreti” con licenza di uccidere

Tra tali figure eminenti compare anche il nome di un amico caro (Alberto Massari quale presidente dell’Associazione culturale HUT8) che – evidentemente – ha deciso di inoltrarsi in un campo tanto delicato e bisognoso di profondi cambiamenti di paradigmi culturali, come si evince anche dalla lettura di tutto quello che, da anni, si è sostenuto in questo blog in materia di intelligence e sicurezza dello Stato. Di intelligence e di politica estera. Di intelligence culturale, partecipata e diffusa.

Intelligence

Massari si becca tutto il mio affetto ben augurante per il coraggio civile che dimostra. Sono certo che saprà dare un contributo da par suo al convegno. Io, con animo memore, mi preparo, domani, a seguire, via telematica, la manifestazione che i Cinque Stelle hanno indetto. Se non fossi tanto vecchio e malandato avrei cercato di essere presente ma ritengo che un luogo affollato come sarà la sala dove si svolgerà la manifestazione politico-culturale mi farà star male. Perché, statene certi, la sala non riuscirà a contenere gli spettatori/addetti ai lavori che, alla “apertura dei cancelli”, si faranno avanti. A dimostrazione che il tema non deve essere considerato per pochi addetti ai lavori ma materia diffusa e partecipata a tutti i cittadini che aspirano ad alti livelli di consapevolezza individuale, politica e culturale. Abbiamo bisogno che di sicurezza se ne parli sempre di più e che il mondo dei “servizi segreti” sia sempre meno caratterizzato, nell’immaginario collettivo, da un alone di negatività. Viceversa, queste istituzioni repubblicane devono essere sempre di più sostenute dal rispetto e, diciamola la parolaccia, dall’amore della maggioranza dei cittadini onesti. Come l’Arma dei Carabinieri e le altre nostre Forze armate. Ultima speranza di non liquefarsi e non perdere la residua sovranità. Ultima speranza per provare a rendere l’Intelligence ubiqua, amata e rispettata come avviene, ad esempio, in Israele, per i mitici Mossad, ShinBet (Shabak) o Aman. Perché, un paese senza intelligence è semplicemente stupido se non moribondo. Un Paese senza intelligence all’altezza del complessità emergenti non ha identità e senza anima identitaria non ha diritto di esistere. La questione di quale e di quanta intelligence ci dovremo dotare, sarà questione di assoluta priorità nella nuova Repubblica che verrà. Perché, che la Repubblica si prepari al rinnovamento profondo, amici cari, è certo. Come è certo che questo avverrà anche con il contributo di cittadini come Angelo Tofalo che, comunque, da quel lontano/vicino 18 dicembre 2015, non ha arretrato di un passo sul tema. Domani, come si vedrà, si prepara a raccogliere il frutto del suo amore per il Paese. Essere in compagnia di intellettuali di qualità come Aldo Giannulli, Armando Soi e, da domani, anche di Alberto Massari, non gli farà certo male.

Anzi.

Oreste Grani/Leo Rugens