Profumo di vodka

putinka-classic-vodka-russia-10827964

A leggere un articolo del 10.1.14 a firma di Anna Zafesova su La Stampa che prevedeva la restituzione di Ablyazov a Nazabrayev da parte di Hollande, da la misura delle capacità previsionali di certi giornalisti. Non infieriamo sulla signora, non fosse altro per solidarietà femminile (si fa per dire).

Osserviamo la chiusa del pezzo

alcuni oppositori kazaki sospettano che Nazarbaev voglia regalare la Bta, la banca che ha tolto ad Ablyazov, al monopolista russo Sberbank.

Sberbank, la stessa in cui siede o sedeva Alessandro Profumo, il banchiere, ignaro che la banca russa fosse nella black list degli USA. 

Oggi i nodi vengono al pettine e ci confermano che da decenni siano all’opera bande transnazionali dove le leggi degli stati sono platealmente messe sotto i piedi. Fa nulla se poi l’Italia si trova nell’angolo e perde commesse miliardarie.

Zafesova, nel suo pezzo, citava a proposito Mikhail Khodorkovsky, a sostegno del quale sappiamo aver agito il più grande studio di avvocati del mondo oltre alla finanza più antica e blasonata d’Europa.

Profumo può essere altro che un sodale di Putin?

Dionisia

Annunci