Caro Stefano Bisi, per lei era meglio cogliere il valore preveggente delle parole che Ipazia le aveva dedicato

Cosa da participio passato. Oppure no?

Leo Rugens

Alla luce di quanto è accaduto dopo l’elezione di Franco Ceccuzzi a sindaco di Siena, nella primavera del 2011, chiedo, oggi, a Stefano Bisi, che spesso fa sfoggio pubblico di interessi e saperi massonici, se non era più opportuno, raccogliendo il consiglio di Ipazia alessandrina, non spiattellarsi a favore del candidato voluto dal PD e dal suo maggior finanziatore Giuseppe Mussari.

Le parole che di seguito potete leggere, erano state scelte perché Bisi comprendesse la preveggenza mazziniana implicita in quei valori dichiarati. E si desse, di conseguenza, una regolata. Oggi che per lui e per i pari suoi è tutto perduto, ho certezza che molti a Siena, in quei giorni, millantavano appartenenza alla Massoneria e ai valori di Fratellanza. Mentre chi di dovere sta dando la caccia alle indelebili tracce elettroniche dei conti bancari degli approfittatori, colgo l’occasione per ricordare a Bisi e agli pseudo-massoni-senesi che il Maestro Giuseppe Mazzini…

View original post 656 altre parole