Aprite gli occhi e le orecchie: Savona era un casus belli

italia-politica-estera

La mossa sconsiderata (questo nessuno può negarlo) di invalidare il risultato elettorale che con, diverse sfumature, aveva delineato un Paese a netta maggioranza sovranista (vuol dire che quel cittadino pensa che prima vengano gli interessi del proprio Paese e poi quello delle élite mondialiste, cioè di chi ha organizzato i mercati del lavoro con cui abbiamo a che fare, le ondate immigratorie spinte dalle guerre che i mondialisti stessi hanno organizzato o favorito e la finanza post Maastricht che ci strozza ora dopo ora) ci ha portato sull’orlo del baratro.

Dove ora balliamo.

Quanto sta accadendo in Italia (grande laboratorio politico, Sicilia compresa), anticipa la guerra/rivoluzione mondiale che vedrà contrapporsi i sostenitori della necessità che gli uomini siano semplici uova con cui fare omelette e chi non vuole sentirsi uova o pecora da tosare. Stiamo assistendo, anche se molti non ne vogliono parlare, alle conseguenze di visioni massoniche che si stanno per scontrare in Italia, scelta evidentemente con cinismo come campo di battaglia per testare le armi necessarie e sufficienti per una futura carneficina.

italia-turrita

L’unificazione europea per troppo poco tempo corrispondente ad un sogno di pace è diventata, nel tempo, uno strumento forte per re e regine (e i loro cassieri) per mettere la mordacchia a cinquecento milioni di persone da trasformare, con gamme diverse di sottomissione, in veri e propri cittadini-schiavi, ostaggi di violenze, paure artatamente costruite, aggressività varie.

Che l’Europa sia teatro di uno scontro tra oligarchi feroci nella loro volontà antidemocratica e altri, è ormai cosa certa. Questo duello fra corrotti decadenti e sudditi destinati a portare acqua ai mulini finanziari partecipati da re, regine e criminalità internazionale che, a sua volta, non sapendo dove mettere a profitto i propri guadagni li affida ai suddetti banchieri e monarchici compiacenti, è affiorato non a caso in casa massonica: è Mario Draghi che, tra gli altri, detesta Paolo Savona che è diventato, banalmente, a fine vita, il casus belli. Do you know “casus belli”?

Parlo di re e regine perché da sempre mi sono chiesto perché mai i regnati miliardari avessero firmato il loro suicidio aderendo all’Europa. Mi sono risposto, nella mia semplicità, perché l’Europa che vi hanno rifilato non è nulla se non un sistema per riscuotere tangenti sui frutti della vita faticosa di centinaia di milioni di sudditi che avrebbero dovuto continuare a vessare ma a costo di essere sparati dall’anarchico di turno. Meglio pagare banchieri, burocrati, massoni perversi a vocazione sanguinaria e far fare a loro il lavoro sporco. Il lavoro sporco è ad esempio indebitare tutti voi con lavori infrastrutturali inutili o senza fine (Salerno-Reggio Calabria ad esempio o Porto di Gioia Tauro da lasciare poi nelle mani dei criminali  o di paesi terzi) è poi dire che il debito pubblico è cresciuto quando invece è alimentato dalla corruzione dai loro super stipendi. Si possono fare mille e mille esempi certi di come sia cresciuto il debito pubblico e chi lo abbi generato ma quando arriva il tempo delle scelte vi ricordano che siete state cicale e che ora siete indebitate mentre voi siete state, al massimo, formicuzze operose. Loro hanno fatto i debiti.

Ipazia-logo

Contro questo piano inclinato era nato tra l’atro il M5S. Quanto era implicito nel MoVimento  delle origini ha messo in moto una rivoluzione antiautoritaria e questa rivolta non doveva in alcun modo essere fatta passare. Il sovranismo (lo chiamo così), se avesse vinto in Italia (e governato) avrebbe contaminato il continente. Soprattutto se questo Buon Governo si fosse concretizzato nella centralissima e paradigmatica Sicilia dove, non lo dimentichiamo, i parlamentari a cinque stelle sono oltre cinquanta. Cose apparentemente lontane. Apparentemente, appunto.

Nel 2019 si vota per il Parlamento europeo ma si vota in uno strano territorio dove le regole sono che se non fai quello che ti dicono quelli della BCE (cioè Mario Draghi e i suoi azionisti che sono dei signori privatissimi) ti massacrano quasi fossero degli spezza-pollici della Banda Buzzi-Carmianti. È un patto leonino che come tutti sanno in diritto non ha validità. peggio è un patto leonino di cui non sono mai state scritte le regole per uscire dall’Euro/Europa. Ripeto, calmo-calmo: non esiste, da quando sono stati scritti i trattati, come dare risposta a chi non volesse più stare insieme. È come se non ci fosse il divorzio e che per uscirne da un matrimonio infelice ci fosse solo l’incivile delitto d’onore o il femminicidio. Vi incazzereste?

Situazione delicata. Vi piace l’eufemismo?

Questo dopo non avervi, scientemente, mandato a votare, per anni, aspettando di redigere una nuova legge elettorale (la Rosatellum), artatamente messa a punto dopo la Porcellum: ora vi hanno resi impotenti portandovi a questa situazione pre guerra civile.  Come direbbe Giampaolo Pansa che se ne intende di sangue fraterno che potrebbe scorrere.

Oreste Grani/Leo Rugens


Alcuni ci stanno aiutando, altri rimangono indifferenti.

Per scelte personali (la condizione economica in cui vivo), culturali, politiche e di natura organizzativa, ho deciso di ricorrere all’aiuto del mercato chiedendo ai lettori di Leo Rugens un contributo (cifre semplici) per assicurare la sopravvivenza e l’indipendenza del blog.

Mi sono affidato a PayPal ma ho anche la possibilità, se me lo chiedete, di indicarvi un IBAN relativo ad un normale conto corrente.

Trovate quindi – a piede dei post – una novità rappresentata dalla richiesta, sistematicamente ripetuta, di sostegno con il possibile l’invio di piccole cifre.

Ci sarà tempo per chiedervi altro. Fuori dagli scherzi, grazie anticipatamente.

Per le piccole cifre abbiamo deciso di prendere soldi da chiunque con le ormai semplici modalità del versamento sul circuito PayPal usando il nostro indirizzo e-mail:  leorugens2013@gmail.com

la Redazione