Papa Francesco e il Segretario di Stato Pietro Parolin incontreranno il Presidente Nursultan Nazarbayev

Schermata 2018-06-10 alle 3.46.54 PMSchermata 2018-06-10 alle 3.47.21 PMSchermata 2018-06-10 alle 3.47.34 PM

Importante l’invito pervenuto alla Santa Sede perché Papa Francesco si rechi ad Astana, il 10 – 11 ottobre 2018, per partecipare al VI Congresso dei leader mondiali e tradizionali. 

Ancora più importante che il Papa abbia accettato l’invito del presidente Nazarbayev.

Se siamo il blog che ha seguito con l’attenzione dovuta la vicenda della coppia Shalabayeva-Ablyazov, siamo anche gli stessi che sapevano quanto fosse stato inopportuno trattare quelle vicende con la grossolanità dimostrata se si tiene in debita considerazione la centralità che quel grande paese ha e avrà per le complessità geopolitiche euroasiatiche.

Per alcuni il Kazakhstan è il paese più importante del mondo e da questa premessa si è mosso Alberto Massari, specialista di cose complesse, che sin dai primi momenti di quella ancora in parte oscura vicenda si appassionò all’intrigo internazionale che non poteva non apparire essere  sotto inteso.  

Shalabayeva – Il caso non è chiuso“, un e-book basato su fonti aperte, accolto da Gianroberto Casaleggio e Luca Eleuteri nell’arco di un week-end, è un dossier aperto, che aspetta di essere aggiornato. Città del Vaticano, Bruxelles, Parigi, Roma e Torino / Pinerolo sono capitoli non scritti di un balletto di nani e di giganti dai piedi d’argilla o di marmo a seconda dei casi, un ballo dove il ruolo di Biancaneve, con rispetto parlando, lo hanno interpretato i cinque onesti cittadini “cinque stelle” volati ad Almaty: Alessandro Di Battista, Emanuele Del Grosso, Manlio Di Stefano, Emanuele Scagliusi e Carlo Sibilia. 

La redazione

Schermata 2018-06-10 alle 5.24.58 PM