Al Sisi non può ignorare cosa sia successo a Giulio Regeni

FILE PHOTO: Egyptian President Abdel Fattah al-Sisi attends a military ceremony in the courtyard of the Hotel des Invalides in Paris

“Un uomo (o più uomini ma solitamente è una la mente che fa muovere i primi passi ndr O.G.) può escogitare un piano particolarmente malvagio e perseguire cocciutamente i suoi fini. Ma proprio perché i suoi fini sono malvagi e crudeli si disorienta, perde la testa, rimane frustrato e, alla fine, si arrende. Ed è qui che vediamo (scrive Nagib Mahfuz, il filosofo, scrittore, sceneggiatore televisivo cinematografico, giornalista alla fine anche insignito, nel 1988, del Nobel per la letteratura), il segno della giustizia superiore”.   

Vorremmo che chi ha ordito, per primo, il disegno di rapire Giulio Regeni per, massacrandolo, colpire l’Italia (o degli italiani loschi?) fosse lui, in risposta a tale atto efferato, colpito ma senza aspettare la giustizia superiore. Mi dicono osservatori attenti del mondo egiziano che un tale piano, particolarmente malvagio, non sarebbe stato possibile attuarlo senza il consenso di Abdel Fattah al Sisi. O, meglio, che non sia stato possibile che, per sette giorni, non venisse a sapere cosa stesse accadendo. Nessuno glielo avrebbe potuto tenere nascosto se, ad esempio, attraverso canali opportuni, qualcuno avesse fatto le domande giuste su dove fosse finito il nostro compatriota. E vi prego di non raccontarmi la storiella della nostra AISE che non poteva sapere di quanto stesse accadendo. O, se così fosse realmente, che i vertici dell’Agenzia, confessando la loro ignoranza, restituissero il mal tolto a partire da quel gennaio 2016 e così un po’ di attività formative di intelligence culturale ve le assicuro io personalmente risultando a spanne la cifra da recuperare per l’erario dispersa verso per i vertici nullafacenti o incompetenti dell’Agenzia di almeno, ad oggi, 6.720.000,00 e parlo dell’erogato, euro più euro meno, per soli 4 dirigenti apicali volendo circoscrivere le responsabilità a questo numero semplice di dipendenti dello Stato. Lascio fuori i contributi versati perché spesso non vengono versati anche se contabilizzati. Non dico poi la proiezione della cifra sui TFR. Ai voglia a fare intelligence culturale ed economica con un tale cifra onestamente gestita e non dispersa negli stili di vita di questi inutili azzeccagarbugli della difesa degli interessi italiani. E questo solo basandosi sui risultati ottenuti. Risultati, come in qualunque altro settore della vita  produttiva e capitalistica ai cui valori tanto stiamo sacrificando.

Giulio Regeni

Torniamo al Leone d’Egitto. A cose avvenute, mi dicono che Al Si-Si sia impensabile immaginarlo con una qualunque forma di rimorso essendo un uomo particolarmente malvagio (uso l’espressione usata per altri ragionamenti proprio da Mahfuz) e cocciuto  nel raggiungimento dei suoi fini. Uomo malvagio particolarmente addestrato (e in più luoghi e più volte nel tempo) come si può dedurre da una semplice lettura della biografia pubblica che oggi riporto. Sapete cosa pensiamo delle fonti aperte e quindi dell’uso opportuno che tali fonti consentono.

Leone Grotti, giornalista, il 18 gennaio 2015 (Giulio Regeni non ancora rapito e sbrindellato in quanto solo un anno dopo veniva assassinato) immette in rete (la testata è Tempi.it) un ritratto accurato di Abdel Fattah al Sisi. Ve lo propongo perché da qualche parte si deve ri-cominciare a capire la vicenda Regeni e dove un tale gravissimo episodio si collochi nella storia recente dei rapporti tra l’Egitto e l’Italia. Oggi vi suggeriamo spunti relativi alle scelte geopolitiche, religiose, culturali di Abdel Fattah al Sisi, il Leone d’Egitto, e vediamo se, passo dopo passo, ci sbagliamo ad accendere proprio su di lui la luce per uscire da questa oscura vicenda. I cerchi concentrici  li facciamo quindi ripartire da lui e il sasso nello stagno (si rischia viceversa proprio una stagnazione della vicenda) lo lanciamo parlando di al Sisi.

Oreste Grani/Leo Rugens

leone5

 

Schermata 2018-12-09 a 10.11.48Schermata 2018-12-09 a 10.12.25Schermata 2018-12-09 a 10.12.44Schermata 2018-12-09 a 10.13.05

leone19

Schermata 2018-12-09 a 10.13.22Schermata 2018-12-09 a 10.13.45