Tu scendi dai barconi

49731905_351281578987449_6193768343242014720_n

Natività 2018

Visitando una chiesa a sud della Capitale nei primi giorni di gennaio 2019, varcata la soglia, finalmente al riparo da un vento gelido, colgo delle voci cantare in una lingua a me sconosciuta. Mi avvicino al coro e osservo un gruppo di dieci bambini disposti in due file contrapposte di cinque elementi ciascuna a distanza di circa un metro e mezzo. In testa e al centro delle due fila una suora che indossava a mo’ di gonna un tessuto africano, così i bimbi. Africana la donna, italiani i bambini che cantavano al ritmo del battito delle mani della religiosa una canzone, tutti sereni, tutti felici e concentrati.

Non ho voluto disturbare il gruppo per informarmi della lingua e del testo, ho preferito illustrare a mio figlio lo straordinario esempio di educazione all’Altro cui stavamo assistendo.

Nell’uscire dalla chiesa mi ha attratto il presepe del quale avete visto l’immagine in testa al post. Il vento gelido ha portato via il calore della visione e del mio corpo portando sconforto e furore per i miserabili responsabili di tanto dolore.

So i nomi di chi ha lasciato affogare migliaia di persone perché sono un cittadino che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l’arbitrarietà, la follia e il mistero.

La Laude di Jacopone da Todi, un francescano, è l’indizio per arrivare al luogo della mia visione.

Alberto Massari

Jacopone da Todi – Laude

Cantico secondo de la natiuità de Christo.          LXV.

AD l’amor ch’è uenuto       en carne a noi se dare,
andiamo a laude fare       et canto con honore.
Honoral, da che uiene,       alma, per te saluare;
uia, più non tardare       ad lui de peruenire!   4
de sé non se retene       che non te uoglia dare
parte, perché uol fare       te seco tutto unire;
porrai donqua soffrire       a llui che non te rendi,
et lui tutto non prendi       et abracci con amore?   8
Pensa quanto te dona       et a te que demanda,
però che non comanda       più che non possi fare;
lo ciel sì abandona       et per terra sì anda,
et ante sé non manda       richeza per usare;    12
en stalla sì uol stare,       palazo abandonato,
seco non ha menato       alcun suo seruitore.
La sedia d’auro fino       de gemme resplendente,
corona sì lucente,       or perché l’ai lassata?   16
orden de cherubini,       seraphin tanto ardente,
quella corte gaudente       co l’ai abandonata?
corte tanto honorata       de tal semi & donzelli
et per amor fratelli,       perché lassi, Signore?    20
Per sedia tanto bella       presepe hai receuuto,
et poco feno hauuto       doue fussi locato;
per corona de stelle       en pancelli enuoluto,
boue & aseno tenuto       ch’eri sì honorato;    24
ora sè acompagnato       da Ioseph & Maria,
ch’aueui en compagnìa       corte de tanto honore.
Ebrio par deuentato       o matto senza senno,
lassando sì gran renno       et sì alte richeze;   28
ma com’è ciò scontrato       de tal matteza segno?
hauereste tu pegno       altre trouar alteze?
uegio che son forteze       d’amor senza mesura,
che muta tanta altura       en sì basso ualore.    32
Amor de cortesìa,       de cui sè namorato,
che t’à sì uulnerato,       che pazo te fa gire?
uegio che t’à en balìa,       sì forte t’à legato,
che tutto te sè dato,       già non poi contradire;    36
ben so che a morire       questo amor sì te mena,
da poi che non allena       né cessa suo calore.
Già non fu mai ueduto       amor sì smesurato,
ch’allora quando è nato       hagia tanta potenza;    40
poi che s’è uenduto       emprima che sia nato,
l’amor t’à comparato,       de te non fai retenza;
et non reman sentenza,       se non che te occida
l’amor et sì conquida       en croce con dolore.    44
Ha facto tal baratto       en la prima ferita,
omne cosa rapita       con sì gran forteza;
ad sé ha tanto tracto       senno, uirtù & uita,
più ch’onne calamita       ferro; sì grande alteza    48
ad cusì uil bassezza       en stalla farte stare,
per amor non schifare       defecto né fetore.
E che tu non conoschi       o non hai sentimento,
ad tale abassamento,       Iesù, tu sè uenuto;    52
en te par che s’offoschi       luce de splendimento,
potere & uedimento       pare che sia perduto;
batte l’amor feruto       et tu non te defendi,
a sua forza t’arendi       donando tuo uigore.    56
Ben so che, garzoncello,       hai perfecto sapere,
et tutto quel potere       ch’à la perfecta etade;
donqua co picciolello       poteue contenere
tutto lo tuo uolere       en tanta uilitade?    60
grand’era caritade,       tutto sì te legaua,
et en sé occultaua       senno, forza & ualore.
En cusì uil pancelli       enuolto te fe’ stare,
et forte abisognare       che riceuissi aiuto.    64
o cari cenciarelli,       potendo sì fasciare
et l’alto Dio legare,       co fosse destituto;
en que era inuoluto       sì caro & fin thesauro
sopr’omne gemma & auro       en uil prezo et colore!    68
Co se dé nominare       amor sì smesurato,
lo qual sì ha legato       ad sé l’Omnipotente?
già non se pò montare       ad grado de tal stato
amor che fosse nato       de figlio o de parente,    72
che prenda sì la mente,       legando omne forteza,
trahendo con dolceza       fuor d’omne suo sentore.
Ben uegio che ama figlio       lo patre per natura,
et matre con dolzura       tutto suo cuor li dona;    76
ma che perda consiglio,       senno, forza & ualura,
questo non m’afigura       che tutto en lui lo pona;
ueggio che a sé perdona,       non uolendo morire
per lui, né sofferire       tormento né dolore.     80
Chi, per amor trouare,       uolesse perder uita,
nulla cosa gradita       ad sé più retenere,
pouertà comperare       per cara margarita,
mortale al cor ferita       per questo sostenere;      84
chi dona, uol uedere       de que fosse cambiato,
amando com’è amato       da lo suo amadore.
Que dar può creatura       ad te, somma bontade,
ché tu per caritate       ad lei te sè donato?     88
tutta la sua ualura       alla tua dignitate
è pegio che uiltate;       dunqua, a cui te sè dato?
or co sirai cambiato       de sì gran cortesìa?
la nostra malsanìa       puoti donar sapore?    92
Or ecco che tu ce habbi,       parme, sì uil guadagno,
demanda l’auro stagno       per mostrar sua belleza;
trouar par che n’arrabbi,       et pensa qual fai cagno,
letitia dar per lagno,       per pouertà richeza;     96
or non è gran matteza       ad sé non retenere
senno né suo uolere       per comparar amore?
Amor esmesurato,       grande sì hai forteza,
che la diuina alteza       puoi tanto abassare;     100
lo cor hai uulnerato       de la somma belleza,
nostra piacer laideza       per poter desponsare;
de sé non pò curare,       Iesù pare empazito,
l’amor sì l’à ferito,       pena li par dolzore.     104
O ennamorato Dio,       d’esto amor me nouella,
che sì ben renouella       gli amanti rengioire,
contemplar si poss’io       tua faccia tanto bella,
reposome con ella       né altro uo sentire;     108
però uorrei udire       com’egli t’à legato,
se far posso mercato       sentir d’esto calore.
Sposa che me demandi,       ammiri lo gran facto,
pensando lo baracto       ch’amor m’à facto fare;     112
pregando me comandi,       sì fuor de me son tracto,
enuerso te combacto,       l’amor me fa penare;
donqua più non tardare       ad me che non te rendi;
como me do, sì prendi,       ad me dona tuo core.     116
De te so namorato,       o sposa, cui tant’amo;
soccorri tanto bramo       teco far parenteza.
l’amor sì m’à legato       et preso como l’hamo;
però sposa te chiamo,       abracciar con netteza.      120
pensa ch’a tua bassezza       per te sì so desceso,
amor de te m’à preso,       encende con ardore.
Per te lasso richeze       et prendo pouertade,
forte penalitade,       lassando onne dilecto.      124
commuto le dolceze       en grande auersitate,
uera tranquillitate       en dolore & defecto;
amor cusì perfecto       ora sia conosciuto
da te & receuuto       dando amor per amore.      128
So non me puoi donare       richeza né talento,
né darme entendemento,       né poterme engrandire;
de fuor de te que dare       me puoi per pagamento?
cosa de ualimento       non è de tuo largire;     132
questo famme empazire,       amor ch’ài en balìa
che lo tuo cor me dia,       qual demando tuttore.
En ciò sta mio mercato       che tieco uoglio fare,
et per ciò uoglio dare       me con tutta richeza;      136
da cielo agio recato       thesauro per cambiare
uita con gloriare       per morte d’amareza;
prende da me dolceza,       dando dolor & pena,
l’amor che non ha lena       m’à facto sprecatore.      140
A tte poco ademando       et molto sì tte dono,
et già non me perdono;       per te uoglio morire.
se pensi que comando,       en que cosa me pono,
amor chiedo per dono,       terrati de largire?     144
amor faime empazire,       altro non posso fare,
tanto m’ài facto dare,       più so che giocatore.
Sposa dota marito,       da lui non è dotata;
prima dota è tractata       che la uoglia sponsare.     148
nullo par sì smarrito       per cui dota sia data,
già se non ha trouata       donna de grande affare,
uolendo exaltare       sé per gran parenteza
leuando sua basseza       ad dignità d’onore.      152
Alteza non aspecto       né alcuna magiorìa
da te, o sposa mia,       ad cui sì me so dato;
prendo per te defecto       uergogna & meschinìa;
or donque sempre sia       en me tuo amor locato,     156
perché non m’ài dotato,       ma te uoglio dotare,
tutto mio sangue dare       en croce con dolore.
En dota sì te dono       richeze esmesurate,
che non fo mai pensate,       ben te porran rempire;      160
en cielo sì le pono,       lì te son conseruate,
non ponno esser robbate,       né per sé mai perire;
de luce te uestire       più che sole sì uoglio,
però prima te spoglio       de colpa & de fetore.      164
De corona de stelle       sirai encoronata,
en sedia collocata       de gemme et auro fino;
de margarite & perle       serà la ueste ornata,
la zambra apparecchiata       de drappi & baldachino;      168
tutto sirà diuino,       ma parlote en figura,
perché non hai ualura       pensar esso candore.
Per darte questo stato       descesi a tal basseza,
en stalla de laideza       hauer uolsi riposo;       172
sia donque recambiato       amor de tanta alteza,
che uiene con tal richeza       per donarse gioioso;
cor non stia otioso       de me trouar feruente,
rescaldese la mente,       abracci con feruore.       176
Amor, priego, me dona,       sposa, ch’amor demando,
altro non uo cercando       se non amor trouare;
l’amor non me perdona,       tutto me ua spogliando,
forte me ua legando,       non cessa d’enflammare.       180
donqua prendi ad amare,       sposa cotanto amata,
ben t’aggio comparata,       più dar non ho ualore.
Iesù, dolce mio sposo,       dimme que posso fare,
che io te possa amare       quanto te so tenuta;       184
ch’a te non fo penoso       per me pena portare,
uolendome saluare       ch’en colpa era caduta;
per me, uegio, è uenuta       la maiestà diuina
de serua far regina,       trarmi d’ogni fetore.      188
Amor, tutta so tua       poi che m’ài creata,
et hame recomparata       ch’era dannata a morte;
chi la derrata sua       hauesse retrouata,
per lui è ben guardata       et amata più forte;      192
nullo ce può hauer sorte       en me, se non tu, Christo;
facesti questo acquisto,       sìene conseruatore.
A tte più che me tutta,       amor, se dar potesse
non è che nol facesse;       ma più non ho che dia;     196
lo mondo & ciò che fructa       se tutto el possedesse,
et più se ancora hauesse       darìate, uita mia;
dòtte che ho en balìa:       uoler tutto & sperare,
amare & desiare       con tutto el mio core.     200
So che non sè cambiato,       ma più tu non demandi;
dòtte quanto comandi,       et uolere enfinito,
che non è terminato,       che ancora più non andi,
et tutto non se spandi       en te stando rapito;     204
l’amor ha el cor ferito,       che se morir potesse
et mille uite hauesse,       per te darebbe, amore.
Demandi che più dia,       amor, questa tua sposa
che tanto è desiosa       te potere abracciare;     208
o dolce uita mia,       non me far star penosa,
tua faccia gratiosa       me dona a contemplare;
se non potesti fare       tu da l’amor defesa,
co posso far contesa       portar tanto calore?      212
Donqua, prendi cordoglio       de me, Iesù pietoso!
non me lassar, mio sposo,       de te star mai priuata.
s’io me lamento & doglio       quando tuo amor gioioso
non se dà gratioso,       ben par morte acorata;      216
da che m’ài desponsata,       sarestime crudele,
lo mondo me par fiele       et omne suo dolzore.
Voglio ormai far canto       che l’amor mio è nato
et hame recomperato;       d’amor m’à messo anello,      220
l’amor m’encende tanto,       ch’en carne me s’è dato,
terrollome abracciato,       ch’è facto mio fratello;
o dolce garzoncello,       en cor t’ò conceputo
et en braccia tenuto,       però sì grido: amore.      224
Amanti, uoi enuito       a noze sì gioiose,
che son sì saporose       doue l’amor si proua;
egli è con noi unito       con richeze amorose,
delitie gratiose       doue l’amor se troua;      228
alma, or te renoua,       abraccia questo sposo,
el se dà sì delectoso,       gridiamo: amore, amore.
Amor, or ne manteni       d’amore enebriati,
teco stare abracciati       en amor trasformato;      232
et sempre ne souieni       che non siamo engannati,
ma en amor trouati       col cor sempre leuato;
per noi, amor, sè nato,       d’amor sempre ne ciba,
qual pharyseo o scriba       non gusta per sapore.     236