Esposti cronometrici e millimetrici? Queste notizie ci erano note sin dal lontano 2015

giustizia

Il Fatto è il Fatto e Leo Rugens è Leo Rugens. Lapalissiano, direte voi. E così è. Leggete l’articolo che riproduco e memorizzatene i contenuti. Serviranno nell’applicazione futura del metodo investigativo a mosaico. Ed ora la sparo grossa: non c’è nulla che “trapela” o che venga affidato ad un comunicato che  Orestino Granetto non sapesse e, diciamolo, anche da alcuni anni. Puntualizziamo: sapevo dei rapporti che intercorrevano tra i “non troppo per bene” (vi piace l’eufemismo per definire AmaraBigotti?) di via Bissolati 20 (STI ed altro) perché a loro e al loro agire illecito ero interessato (come sapete) e il fratello del Procuratore Giuseppe Pignatone. Niente, in pari tempo, che riguardasse i familiari del magistrato Paolo Ielo.   

Sapevo quindi del fratello di Pignatone e spero che nessuno si azzardi a smentirmi. Vuol dire che sono pronto a “cacciare” le prove di quanto affermo. Certo che da quando ho saputo di questi comportamenti simil-corruttivi (questo è il mio severo giudizio etico-morale che liberamente esprimo nella speranza che ex Procuratore Pignatone, cortesemente, non prenda d’aceto per questa mia legittima affermazione infierendo su un uomo ininfluente e marginale qual’è ormai il sottoscritto), mi sono chiesto più volte perché nessuno avesse virilità (vir romana) per esigere chiarimenti dal Procuratore quando era uno degli uomini  più potenti d’Italia. Mi imbarazza che lo si faccia solo ora che, da pochi giorni, è un pensionato (con altre cifre) come il sottoscritto.

In realtà, più fragile del sottoscritto perché non ha un blog con cui difendersi da eventuali calunnie.

voarino

Sapevo del sistema di potere che l’arrogante Ezio Bigotti aveva organizzato su Roma anche grazie alla carica onorifica di Console del Kazakhstan, e mi risultavano, tra i più eclatanti, sia il fratello avvocato di Pignatone che qualcuno di molto molto molto in alto nei “servizi”.  Queste notizie (autentiche) potete immaginare chi me le avesse affidate a suo tempo. Qualcosa gli scappava, qualcosa mi voleva far sapere, qualcosa, con scaltrezza, “metteva nella buca delle lettere”. Mai, però, una parola su Paolo Ielo. E questo, ci tengo a dirlo. Ma, come si dice, non si può sapere tutto. A cosa serva che  dica questa ovvietà, poco importa. Scrivo per me stesso (come quasi tutto quello che scrivo) e un po’ per amore per l’amica Verità.

Tornando alla tempistica di questa vicenda (se Leo Rugens sapeva, altri mille sapevano), soffermatevi a ragionare sugli aspetti oscuri del potere e dell’ossequio ai potenti, quando tali appaiono. Se qualcuno sapeva prima e ha aspettato il pensionamento di Pignatone, seguendo i miei criteri di classificazione delle fonti, questo qualcuno non ci fa una bella figura (anche di questo giudizio che nessuno si offenda perché, come si dice, state sparando su Grani che è come fare danno alla Croce Rossa) e, comunque, questa tempistica rende di difficile “utilizzo” la denuncia ai fini di una eventuale moralizzazione. Tenete conto, ad esempio, che Enrico Mentana (che non è uno sprovveduto, tantomeno un giovane cronista), quando, un’ora addietro, ha finito di dare la notizia, si è divertito ad aggiungere, “se non ci avete capito nulla non ci badate”. E giù una risatina. E non sbagliava.

Osservate bene come giro in tondo alla questione perché non mi piace quello che sta accadendo. Fidatevi di quello che scrivo, da ignorantone, su materia tanto pericolosa e delicata.  Non è cosa buona per la Repubblica che le cose stiano accadendo con queste dinamiche. Si stanno aprendo troppi fronti in contemporanea e l’Italietta non se lo può permettere.

E poi, è bene, qualche volta, essere fazioso/tifoso: se mi toccate alcuni come Nicola Gratteri, Paolo Ielo, Ilda Boccassini o, un tempo, Severino Santiapichi o Rosario Priore, io mi incazzo.

Pensiamo seriamente al sistema ENI-AMARA-BIGOTTI-KAZAKHISTAN-CONGO-NIGERIA-ALGERIA-EGITTO che un quarto del bordello che si intravede basta e avanza.

Oreste Grani/Leo Rugens

Schermata 2019-05-29 a 21.31.57Schermata 2019-05-29 a 21.32.31Schermata 2019-05-29 a 21.33.14