Proviamoci. Ministro dell’Agricoltura: Paolo De Castro

PaoloDeCastroBig

Nessuno ascolterà i nostri suggerimenti. Siamo abituati a questa condizione e da anni. Anche a sentirci dire, dopo, che avevamo ragione.

Oggi parto dal consiglio di un vero addetto ai lavori nel campo agricolo che la vita mi ha fatto conoscere ed apprezzare per motivi altri da quello agroalimentare. La mia fonte dice che se di merito e di autorevolezza, in un campo strategico come l’Agricoltura, si deve ragionare, soprattutto dopo la stagione leghista (Centianio ed altri), un nome di comprovata capacità scientifica, umana e professionale sarebbe quello di Paolo De Castro. Aggiungo io andando oltre la valutazione della mia fonte attendibile: per quello che scrive che trovate a seguire. Martina è una brava persona ma per cambiare il paradigma strategico ci vuole un uomo di visione. E De Casto pare lo sia.   

Sono certo che se si partisse con De Castro (che va certamente opportunamente convinto e riarruolato su basi patriottiche e meritocratiche) il segnale nel mondo (non crediate che esagero) sarebbe quello giusto. E ho scritto “nel mondo” perché oggi l’agricoltura è materia planetaria e senza questa visone adeguata non ci sarà mercato per il Made in Italy.

Proviamoci.  Oreste Grani/ Leo Rugens

P.S.

L’articolo è del 23 marzo 2019. Come sapete, però, Todo Cambia. E così sia.

Schermata 2019-08-30 a 12.09.59Schermata 2019-08-30 a 12.10.19Schermata 2019-08-30 a 12.10.47Schermata 2019-08-30 a 12.11.08