Ripartenza e discontinuità nella lotta alla criminalità secondo il sen. Michele Giarrusso

Quel fuori classe di Marco Dotti,  raccoglie per Vita un’articolata e stimolante intervista con il senatore Mario Giarrusso, “cinque stelle” della prima ora, tra i migliori esperti di legalità e contrasto alle mafie di questo Parlamento.

Per ora ci godiamo le riflessioni e gli impegni assunti da Giarrusso.

Non potremo, nei prossimi giorni, vista la fase decisionale delicatissima, non tornare sui temi della Giustizia, preoccupati come siamo che si ripetano alcuni degli errori (alcuni gravissimi) commessi quando, nato il Governo Giallo-Verde, si sono scelte le donne e gli uomini che avrebbero dovuto guidare le istituzioni preposte, prioritariamente, al contrasto delle mafie.

Ci fu molto nepotismo e scarsissima pratica meritocratica. Voglio ricordare, in questo campo come in qualunque altro, che on il nepotismo e le cooptazioni determinate da legami altri, si fa poca strada “in sicurezza” che, viceversa, è la prima amica della meritocrazia.

Oreste Grani/Leo Rugens e la Redazione tutta

Schermata 2019-08-30 a 13.09.50Schermata 2019-08-30 a 13.10.29Schermata 2019-08-30 a 13.10.48Schermata 2019-08-30 a 13.11.21Schermata 2019-08-30 a 13.11.51Schermata 2019-08-30 a 13.12.27Schermata 2019-08-30 a 13.12.45Schermata 2019-08-30 a 13.13.43Schermata 2019-08-30 a 13.14.06Schermata 2019-08-30 a 13.14.25Schermata 2019-08-30 a 13.15.07