Giancarlo Elia Valori e il mestiere di capire le “scatole cinesi”

Loto-e-Buddha

Un politicante che usa i servizi per coprirsi le spalle? E cosa fanno, da decenni, i nostri/suoi politici se non questo? Si deve risalire ad Aldo Moro (vivo), per trovare un rapporto di altra natura con l’Intelligence. Nella mia lunga e variegata esperienza personale ho sentito, dal vero, solo Randolfo Pacciardi (con lui nasce il SIFAR), parlare dei Servizi come soggetto terzo rispetto al Parlamento e non da asservire ai propri interessi di partito. Ma già ai tempi del primo Ministro della Difesa della Repubblica. il ricostruttore delle Forze Armate Italiane, un capitano dei carabinieri, in “servizio nei servizi”, pilotato da avversari politici, fu mandato (era il 1963) in un congresso del PRI a Ravenna, con una borsa, a corrompere delegati “pacciardiani, in quel momento ostili al centro-sinistra, formula politica che lasciava in dubbio alcuni repubblicani. E l’atto corruttivo cambiò la sorte del Paese a vantaggio di Ugo La Malfa, quasi, si disse, ad insaputa dello stesso.

Jan_Potocki_-_Rękopis_znaleziony_w_Saragossie,_1847

Il manoscritto trovato a Saragozza? A chi si rivolge quando scrive un pezzo raffinato come quello comparso ieri nella rete? Veramente vogliamo rimuovere che mai il  Premier Conte (un nome tra i tanti), ancora orfano dell’allontanamento di Francesco Totti dalla Magica Roma, potrebbe interpretare tale riferimento iniziatico e, in quanto tale, ritengo lei ritenga, formativo?

O, peggio, il duo (oggi ricomposto per vie carsiche) formato dal calciatore Angelo Tofalo, lasciato “in premio” alla Difesa, e l’ex collega di sottosegretariato nel Governo Conte 1°, Raffaele Volpi, da ieri Presidente COPASIR, come potrebbero trovare utilità a leggere il testo “ottocentesco” a cui lei fa riferimento?

fiore di loto-Paolo Proietti3

A che pro tante preziose informazioni, signor GEV? Se lei stesso afferma che è inutile far sapere agli ultimi ministri della Difesa (l’ex assicuratore Lorenzo Guerini?) cose così sofisticate e transdisciplinari, perché continua a renderle pubbliche? Il pezzo è un vero capolavoro ed ha la forma di una conversazione da tenere in un’aula dove, senza spirito cattedratico, si provi ad insegnare il mestiere del capire l’oggi e, soprattutto, il domani. Un vero patriota, affettuoso con l’Italia, non lo è mai stato (così mi sembra si dica di lei) per cui rimango dubbioso su tanta solerte attività, di qualità crescente. A chi parla e perché, non risultandomi che lei faccia nulla per nulla? Peccato non saper scrivere come vorrei.

Comunque ammirato.

Oreste Grani/Leo Rugens

P.S.

Quando leggo i pezzi di GEV mi sovviene il detto popolare, piuttosto volgare, “perle ai porci“. Quando finisco di leggere, rimango con la sensazione di aver “assistito” ad un momento di una immateriale/invisibile (ma reale) Tavola Rotonda permanente “tra alcuni”. E mi rimane la curiosità di sapere chi siano (e dove siano) gli altri.  

 

Schermata 2019-10-09 a 09.52.19Schermata 2019-10-09 a 09.52.35Schermata 2019-10-09 a 09.52.59Schermata 2019-10-09 a 09.53.31Schermata 2019-10-09 a 09.54.03Schermata 2019-10-09 a 09.54.33Schermata 2019-10-09 a 09.54.56Schermata 2019-10-09 a 09.55.25Schermata 2019-10-09 a 09.55.59Schermata 2019-10-09 a 09.56.27Schermata 2019-10-09 a 09.56.56