Nell’oasi felice del diritto (Latina/Littoria) criminali all’opera per fabbricare fatture e riciclare denaro

tribunale latina

Da alcuni giorni accenno a qualcuno che, forte della sua posizione (e che posizione!) occupata nel Ministero dell’Interno, a chi, preoccupata (in questo caso era un’imprenditrice onesta spaventata e travolta dal Sistema mafioso Lollo) segnalava (e chiedeva aiuto per salvarsi) la crescente illegalità che anche un cieco avrebbe riscontrato a Latina/Littoria, rispondeva di stare tranquilla perché, da quelle parti, tutto andava bene. Anzi, ad onor del vero, l’imprenditrice si sentì rispondere, così racconta, dall’interlocutore scelto, che la cittadina laziale era una vera oasi e certamente un esempio di ordine e legalità. Da giorni, ovviamente, Leo sa di chi si tratti ma, come tutte le carogne (e noi siamo delle carogne), ci piace giocare al “gatto con il topo”. Soprattutto quando “il  topo” si sente nel giusto e considerato, a torto, anche da questo marginale e ininfluente blog, inadatto a qualsiasi ruolo statale utile ad un contrasto, articolato e consapevole, ai diffusi sistemi di potere attuati dalle organizzazioni criminali mafiose.

Oreste Grani/Leo Rugens

Schermata 2019-10-14 a 17.22.25Schermata 2019-10-14 a 17.23.10Schermata 2019-10-14 a 17.23.34