Che ci fanno truppe russe dove Leo Rugens ha tenuto il pranzo di nozze?

RT in Italiano
Ieri alle 15:48 ·
🇮🇹 🇷🇺 I militari italiani e russi stanno sviluppando un piano d’azione strategico per combattere le infezioni da COVID-19 a Bergamo. ❤

Ha ragione Massari: c’è qualcosa di oscuro intorno a questa vicenda del COVID 19 e della presenza di truppe russe in Italia.

E non solo. Medici russi, cubani, cinesi che arrivano con grande tempestività a soccorrerci? Come è possibile che non si sia riusciti a fare da soli?

E poi proprio nella stessa sala dove ho tenuto il pranzo di nozze dovevate alloggiarli a fare piani, sapendo quanto mi possono stare antipatici (che eufemismo) i soldati di Putin?

Fuori di scherzo (in realtà non sono mai stato tanto serio e incazzato), possiamo cominciare a chiedere qualcosa di puntuale intorno a questa presenza inquietante e proprio in quella “caserma/foresteria” su via di Castro Pretorio?  E con un nostro soldato che sembra assistere per apprendere come si prendono in mano le situazioni. Manu militari, si direbbe. Con loro maestri e i nostri scolaretti. Quasi fossero prove generali.

Nasco atlantico/atlantista e nelle Valli del Natisone mi addestravo a fermare (così dovevamo ipotizzare/sognare secondo gli ordini), con qualunque mezzo, l’Armata Rossa. Sono cresciuto ipotizzando di dare la vita pur di non vedere i cosacchi abbeverare i cavalli a San Pietro. Mi sono perfino “sporcato le mani” sacrificando famiglia e una brillante carriera per evitare una tale ipotesi, anticamera della perdita della libertà, quando i terroristi “rossi” si rifacevano alle ideologie comuniste. Vediamo di non farmi chiudere gli occhi con la consapevole amarezza di aver sprecato una intera esistenza.

Oreste Grani/Leo Rugens