Le mafie al tempo del Covid-19

PHOTO-2020-03-26-13-52-30

Nello stesso istante, ricevo da fonti diverse queste due indicazioni, una vignetta e un articolo.

La prima si commenta da sola, la seconda è la sua appropriata didascalia a cura di OCCRP, non proprio un gruppo di dilettanti,

supported by the generosity of the Bay and Paul Foundation, the Catherine Hawkins Foundation, the Center for International Private Enterprise (CIPE), Google, IJ4EU, the International Center for Journalists, Luminate/Omidyar Network, the National Endowment for Democracy, the Open Society Foundations, the Rockefeller Brothers Fund, the Sigrid Rausing Trust, the Skoll Foundation, the Swedish International Development Agency (SIDA), the United Kingdom Foreign and Commonwealth Office, United States Agency for International Development (USAID), and the U.S. State Department Bureau of Democracy, Human Rights and Labor (DRL).

OCCRP is a registered name of the Journalism Development Network, a Maryland-based charitable organization (501(c)3).

L’articolo si basa sulle dichiarazioni di due studiosi italiani, la prof.ssa Anna Sergi e il prof. Federico Varese.

In sintesi, ciò che Sergi sostiene è quanto la vignetta dichiara, mentre Varese ritiene che saranno tempi duri anche per i nostri mafiosi, i quali, peraltro, non ci metteranno poco a convertire il proprio business andando a rilevare le aziende del settore medicale, se già non l’hanno fatto da tempo.

Segnalo che da tempo, in questo blog, si avvertono i 35 lettori che le mafie si interessano di algoritmi e di staminali altro che cocaina. Buona lettura.

Cocaine & Corona: How the Pandemic is Squeezing Italian Crime Groups Nicholas Wells

Alberto Massari