Sogno di una notte di primavera

paessaggio-di-santo-stefano-medio-giulio-danna-1931-1358700491_b

Siete il capo di un gruppo di fuggiaschi che avete convinto a seguirvi nel tentativo di sottrarvi a un grave pericolo; avete detto loro che siete un abile pilota d’aereo, che conoscete la rotta per portare tutti in salvo.

Riuscite a evadere e uno dei vostri compagni vi conduce a un aeroporto dove c’è un velivolo pronto, rifornito di carburante; ve ne impadronite, tutti prendono i loro posti e voi siete in cabina di comando.

C’è qualcosa che non va, iniziate a sudare per la tensione; di fianco a voi vi accorgete che i vostri compagni di fuga iniziano a essere nervosi perché sentono il pericolo avvicinarsi.

Guardate e riguardate i comandi, osservate la pista, la torre di controllo; nella cabina alle vostre spalle il tono delle voci si alza, qualcuno entra in cabina e vi chiede quando si parte.

Afferrate la cloche, osservate i quadranti, leve, pulsanti, vi allacciate le cinture di sicurezza, il sudore vi scorre sulla fronte, nella schiena, il respiro si fa affannoso, qualcuno urla, bestemmia, vi sentite perduti.

All’improvviso entra uno che non avete mai visto, parla una lingua che non conoscete, vi dice di spostarvi e inizia a toccare il quadro di comando; all’improvviso sentite il rombo dei motori, le voci alle spalle si spengono.

L’aereo rulla sulla pista, è entrato un altro personaggio che parla una lingua che vi sembra famigliare e intanto si rivolge a un altro soggetto che vi sorride amabilmente.

L’aereo è pronto per il decollo, vi fanno alzare e vi spingono nella cabina, l’aereo di impenna, vedete l’orizzonte inclinarsi, tutti sono felici, vi sedete di fianco a uno sconosciuto che vi porge un bicchiere d’acqua perché siete assetati avete la gola secca per l’adrenalina.

Nessuno si è ancora accorto che voi non sapete pilotare un cazzo di niente.

Vi svegliate e vi trovate in un Consiglio dei Ministri.

Dionisia

vintagephoto-danseurssally-rand-famous-dancer-1441497077_b