Il Governo dove teneva celati decine di esperti gagliardi e forti?

Dove le tenevate accatastate queste decine di esperti, donne e uomini risoluti e temprati da mille battaglie dove avevano mostrato di avere senso dello Stato e risolto molteplici problematiche complesse?

Li tenevate celati (di riserva quindi) nella Caverna di Ali Babà e i Quaranta (questi sono quasi il doppio) ladroni?

A noi ci avete fatto amministrare, per decenni, da degli analfabeti (spesso solo ladroni) e avete tenuto per i tempi che sapevate che sarebbero venuti, i fuori classe? Plotoni di fuori classe sprecati in attesa dell’arrivo del Cigno Nero? Solo per questo, se anche fosse vero, dovreste essere passati a fil di spada o mandati davanti ai plotoni di esecuzione. La verità che voi puntate, ora che più che mai, senza pudore e con gli sfinteri allentati, a raccontare cazzate su cazzate nel solo tentativo di prendere tempo e vedere arrivare lo Stellone a salvarvi. Lo Stellone salvifico questa volta non arriverà (vedo stanco anche il presidente Mattarella e il suo staff) e il sangue scorrerà. Metaforico? Speriamo che sia così e che ci si limiti alle metafore. Questo a rigor di logica e se si ha il senso della Storia.

Mi dispiace solo che Giampaolo Pansa, che aveva intuito e anticipato il pericolo di una guerra civile se si fossero create le condizioni (e si sono create), non sia vivo per commentare. La Provvidenza (o chi per lei) a volte sbaglia: si è presa Pansa e ci ha lasciato Eugenio Scalfari, che, invecchiando, era arrivato perfino a rivalutare Silvio Berlusconi.

Oreste Grani/Leo Rugens