Grazie per l’energica azione moralizzatrice messa in atto nelle Forze Armate! Da chi?

Diciamolo: se cedono i freni inibitori (ad oggi forse omertoso-mafiosi) nelle Forze Armate, i sistemi Schettini, Lollo, Amara/Bigotti, Montante, Savasta/Scimè riassunti nella Cupola CSM di cui sentiamo cominciare a parlare anche da Luca Palamara, potrebbero impallidire e far apparire la Magistratura un collegio di educande ai primi del Novecento. Se nelle Forze Armate si facessero avanti vari Zamorani pronti a fare ognuno mille nomi, quanto emergerebbe creerebbe imbarazzo (e arresti) certamente in tutta Italia ma le metastasi di questo cancro corruttivo potrebbero spuntare mortifere ovunque le nostre missioni hanno fatto mettere “stivali a terra” ai nostri soldati.

Perché, sentite a me, dal modello operativo criminale che viene descritto nelle 289 pagine che Operazione Minerva si deduce facilmente che negli anni o i vertici delle Forze Armate erano guidate da scimmie scaltre e abili nel non vedere e sentire nulla o dovremmo dire che sono le relazioni riservate (e le imbeccate intelligenti) tra questi vertici e i magistrati coraggiosi ad aver avviato il tutto. Sarebbe un bel cambiamento scoprire che gli Stati Maggiori, ovviamente in accordo con il ministro e i sottosegretari, resisi conto della gravità della situazione (quella ipotizzata con gli arresti di ieri ed altre che potrebbero seguire), sono loro che, con scelta scaltra e raffinata prudenza, invece di utilizzare mezzi ordinari (nelle Forze Armate dovrebbero esistere ramificati monitoraggi per difenderne l’integrità dai nemici esterni della Patria e da figure corrotte nei suoi organici) per stroncare il malaffare, hanno avviato l’epurazione. Sarebbe bello e nello spirito che da anni in molti ci auguravamo. E saremmo pronti a scusarcene con i nostri lettori per non aver colto quanto bolliva in pentola. Ecco spiegato perché il signor ministro Lorenzo Guerini ha deciso subito di dichiarare il Dicastero che rappresenta, parte lesa. Lo sviluppo di quanto ieri formalmente ha avuti inizio, comunque, dirà cosa c’è nella mente di “Minerva”. Quanto è scattato con gli arresti di ieri, comunque, non bisogna che venga messo a tacere.

Perché, come si coglie da queste parole (e da altre che negli anni abbiamo lasciato nel web) da queste parti pensiamo che l’iniziativa moralizzatrice a cui assistiamo era proprio la politica pentastellata che doveva avviarla. Speriamo, per gli archivi di Stato, di scoprire un giorno, che così è stato e che questi primi (conoscete il significato di “primi”?) scoperchiamenti di pentoloni mefistofelici sono anche opera della sensibilità politica, ad esempio, tanto per fare un nome che da anni è insediato alla Difesa (e prima al COPASIR), di Angelo Tofalo.

Che una certa curiosità per le forniture (ma forse era un abile trucco, novello Holmes, per investigare) lo aveva mostrato quando, presentato da chissà chi e come, aveva frequentato la duttile Annamaria Fontana e il di lei marito Mario Di Leva. Che di forniture di elicotteri negli anni facevano credere si volessero interessare. Oltre che di ambigue frequentazioni internazionali.

Oreste Grani/Leo Rugens che ringrazia la Provvidenza per essere arrivato a vedere aprire un primo armadio, apertura utile anche per capire chi aveva occhi (e qualità politiche) per svolgere il ruolo di indirizzo (e controllo) necessario alla moralizzazione del mondo degli acquisti nelle Forze Armate.

P.S. Torno a dire che non vedo l’ora di scoprire che sono stati i Dioscuri (Maffei-Tofalo) insediatisi a Viale dell’Areonautica ormai da alcuni anni. Speriamo che siano stati loro a imprimere la svolta etica necessaria a interrompere questo schifo. Speriamo.

Come ho scritto le pagine dell’atto giudiziario sono centinaia ma un po’ alla volta vale la pena di pubblicarle per consentire ai cittadini di capire da cosa e da chi sono circondarti e sfruttarti e cosa si intenda per sistema. Sono spesso le carte che vanno lette per capire il deterioramento nei settori vitali della Repubblica. Immaginate cosa emergerà quando (troppo tardi?) si saprà cosa è successo intorno alla Sanità in questi mesi drammatici? Sommate CSM/Magistrati corrotti e corruttori, Sanità, Forze Armate, Lavori Pubblici e vedrete che, senza uno scatto di energico patriottismo, tutto sarà perduto.