Un punto di vista sulla vicenda Pelosi – Taiwan

(Photograph by Kent Nishimura/Los Angeles Times/Getty Images.)

Uncertainty Over Pelosi’s Taiwan Visit Exposes American Weakness


If she does not go, Beijing will have taken the measure of another American White House and found it to be more bark than bite.
Ellen Bork
and Gary Schmitt
Jul 30
Chinese officials hope to intimidate the Biden administration over Speaker Nancy Pelosi’s long-planned stop in Taiwan during her August swing through Asia, with stops in Japan and South Korea included as well. Chinese official media quoted General Secretary Xi Jinping warning President Biden that, “Those who play with fire will perish by it.”   
Pelosi’s trip was originally scheduled for May but postponed after she tested positive for COVID. The past few months have given Beijing time to ratchet up its pressure campaign, with spokesmen and official commentators keeping up a steady drumbeat of threats. 
Deterring the speaker from visiting Taiwan in August would be a victory for Xi Jinping, for whom acquiring the island democracy of Taiwan is a major preoccupation, especially as Xi moves to reaffirm and consolidate his reign as head of the Communist Party and the Chinese state in the weeks ahead. To put it bluntly, it would be a feather in his red cap to have prevented Pelosi from landing in Taipei. 
In turn, it would be a defeat for American statecraft. Allies in particular would have to wonder just how serious Washington is about meeting the challenge China presents. For countries sitting on the fence, like the Philippines, the message would be that the U.S. can be bullied. Moreover, it would put another nail in the coffin of the Taiwan Relations Act of 1979, a statute that was designed to normalize relations with Taiwan to the degree possible without formal ties and specifically declared that such efforts of coercion would be treated as “of grave concern to the United States.” 
Pelosi, third in the line of succession to the presidency, would be the highest-ranking American official to visit in nearly 25 years.  The strategic situation has changed immensely since Newt Gingrich visited as speaker in 1997. Taiwan had only just started its path to becoming a true democracy, and the U.S. held an overwhelming advantage militarily should a confrontation occur in the Taiwan Strait. That advantage has clearly shrunk, and some would say it has disappeared altogether. 
With its new military muscle and backed by its economic sway as the world’s second-largest economy, China has put Taiwan under constant pressure the past few years through intrusions into its water and airspace, and disinformation and interference in its media, politics, and civil society.  Beijing has accumulated influence in international organizations, in part to exclude Taiwan, while reducing further the number of countries that maintain full diplomatic relations with Taipei.   While  China’s ability to take Taiwan has grown, its ambitions are not  confined to the island.  Beijing has taken over territory in the South China Sea and destabilized its border with India, where it claims substantial areas as “Southern Tibet.” 
At the same time, Taiwan has changed. Under the most difficult of circumstances, it has joined the ranks of America’s strategic partners in the region, sitting astride key air and water avenues that open to the wider Pacific.  Its transition to democracy has revealed a distinct civic /national identity and largely broken down the division between mainlanders and Taiwanese such that the idea of a voluntary decision by Taiwan’s citizens to merge with Communist China is now unthinkable. As the citizens of the island have engaged in self-rule, their sense of themselves as Taiwanese, rather than Chinese, has grown exponentially. Considerably less than 10 percent of the population identify as Chinese—and much of that portion is confined to an aging segment.  
Nevertheless, despite the changes in Taiwan and the fundamental change in the Asian security landscape, the idea of a status quo governing American policy that must not be disturbed stubbornly persists in policymaking and analytic circles. But that status quo rests on the uncertain ground that Washington takes no position on whether Taiwan is or isn’t a part of China and whether the U.S. would come to Taiwan’s defense if it were attacked by China. And while it is often said that these policies have kept the peace for decades, the fact is, what kept the peace was American power and Chinese relative weakness.  
All these changes have left the U.S. in a damned if you do, damned if you don’t position. President Biden, no stranger to off-the-cuff remarks that need “walking back” by staff, simply stated the obvious when he said the U.S. would help defend Taiwan if it were attacked. Taiwan’s strategic importance demands it. But Beijing reads the shift in the balance of power as tilting in its favor. It may longer believe that it has to “bide its time” in calling America’s bluff over defending Taiwan.  Under the circumstances, it’s not surprising Beijing feels free to challenge Pelosi– whom Chinese leaders revile for her past staunch support for human rights of Chinese citizens.  
What China might do to back up its threats if she does go to Taiwan is impossible to know from the outside. It’s also impossible to know from outside whether the Pentagon is justifiably alarmed or, as it has been in the past, reflexively cautious. Certainly over the past few months, Beijing has been more willing to run risks in challenging American and allied flights and naval operations in the area. Fueling the Pentagon’s caution further are undoubtedly worries that America’s very stretched, undermanned and underarmed military is also dealing with a military crisis on the other side of Eurasia. Even if Pelosi is underwhelmed by the briefing she is getting from defense and intelligence officials, she might still reasonably defer to the executive branch’s judgment that the time to visit Taiwan is not now since it is the executive branch that will be dealing with whatever does happen. 
That said, the damage to American credibility in the region if Pelosi does not go are considerable. Beijing will have taken the measure of another American White House and found it to be more bark than bite. 
There is no getting around the fact that there appear to be no obvious good choices here. It’s been suggested that the speaker can go at some other time, perhaps after the Communist Party Congress in late fall when there is less pressure on Xi to show a forceful hand. But Washington shouldn’t kid itself that this will make up for her decision not to go. It will be read in China, and perhaps elsewhere, as a sign that Beijing controls the “go” and the “no go” button on trips. In addition, China will have learned exactly what kinds of signals it can send to cause 
Washington to hyperventilate about a possible crisis. Upsetting that arithmetic may be reason enough for Pelosi to go. 
If there is any benefit to the debate over whether Pelosishould go or not, it’s that it has exposed the weakness in the American position vis a vis Taiwan. In Congress and in successive administrations, the U.S. has talked a much tougher game about increasing support for Taiwan and challenging China’s aggressive behavior toward the democratic island. What it hasn’t done nearly enough is back that up with sufficient diplomacy and military resources. The U.S. military is well short of being able, with confidence, to deter Chinese aggression. And Biden’s defense budgets going forward fall well short of fixing that gap. If the U.S. wants to avoid giving the upper hand to Beijing in the future, it will have to get far more serious about building the kind of “hard power” that allows it to not only talk the talk but walk the walk.   
Ellen Bork, a contributing editor at American Purpose, writes about democracy, human rights and American foreign policy. Gary J. Schmitt is a senior fellow at the American Enterprise Institute, where he writes on constitutional and national security issues. 

Nel mondo tra le tante parole spese sono state scritte con perizia ed equilibrio anche queste.

Ne forniamo una traduzione di Google.

La redazione

L’incertezza sulla visita di Pelosi a Taiwan espone la debolezza americana
Ellen Bork, Gary Schmitt

I funzionari cinesi sperano di intimidire l’amministrazione Biden per la sosta a Taiwan programmata da tempo dalla presidente Nancy Pelosi durante il suo viaggio di agosto attraverso l’Asia, comprese anche le tappe in Giappone e Corea del Sud. I media ufficiali cinesi hanno citato il segretario generale Xi Jinping che ha avvertito il presidente Biden che “coloro che giocano con il fuoco moriranno per esso”. Il viaggio di Pelosi era originariamente previsto per maggio ma è stato posticipato dopo che è risultata positiva al COVID. Gli ultimi mesi hanno dato a Pechino il tempo di intensificare la sua campagna di pressione, con portavoce e commentatori ufficiali che mantengono un costante ritmo di minacce. Dissuadere l’oratore dal visitare Taiwan ad agosto sarebbe una vittoria per Xi Jinping, per il quale acquisire la democrazia insulare di Taiwan è una delle principali preoccupazioni, soprattutto perché Xi si muove per riaffermare e consolidare il suo regno come capo del Partito Comunista e dello Stato cinese in le settimane a venire. In parole povere, sarebbe stato un fiore all’occhiello del suo berretto rosso aver impedito a Pelosi di atterrare a Taipei. A sua volta, sarebbe una sconfitta per l’arte di governo americana. Gli alleati in particolare dovrebbero chiedersi quanto sia seria Washington nell’affrontare la sfida che la Cina presenta. Per i paesi seduti sulla recinzione, come le Filippine, il messaggio sarebbe che gli Stati Uniti possono essere vittime di bullismo. Inoltre, metterebbe un altro chiodo nella bara del Taiwan Relations Act del 1979, uno statuto che mirava a normalizzare le relazioni con Taiwan nella misura possibile senza legami formali e dichiarava specificamente che tali sforzi di coercizione sarebbero stati trattati come “di gravi preoccupazione per gli Stati Uniti”. Pelosi, terzo nella linea di successione alla presidenza, sarebbe il più alto funzionario americano da visitare in quasi 25 anni. La situazione strategica è cambiata immensamente da quando Newt Gingrich ha visitato come relatore nel 1997. Taiwan aveva appena iniziato il suo percorso per diventare una vera democrazia e gli Stati Uniti detenevano un vantaggio militarmente schiacciante in caso di scontro nello Stretto di Taiwan. Quel vantaggio si è chiaramente ridotto e alcuni direbbero che è scomparso del tutto. Con la sua nuova forza militare e sostenuta dalla sua influenza economica come seconda economia più grande del mondo, la Cina ha messo Taiwan sotto costante pressione negli ultimi anni attraverso intrusioni nel suo spazio idrico e aereo, e disinformazione e interferenza nei suoi media, politica e civile società. Pechino ha accumulato influenza nelle organizzazioni internazionali, in parte per escludere Taiwan, riducendo ulteriormente il numero di paesi che intrattengono relazioni diplomatiche piene con Taipei. Sebbene la capacità della Cina di conquistare Taiwan sia cresciuta, le sue ambizioni non si limitano all’isola. Pechino ha conquistato il territorio del Mar Cinese Meridionale e ha destabilizzato il suo confine con l’India, dove rivendica vaste aree come “Tibet meridionale”. Allo stesso tempo, Taiwan è cambiata. Nelle circostanze più difficili, si è unito ai ranghi dei partner strategici americani nella regione, sedendosi a cavallo di importanti vie aeree e d’acqua che si aprono al più ampio Pacifico. La sua transizione verso la democrazia ha rivelato una distinta identità civica/nazionale e ha in gran parte spezzato la divisione tra continentali e taiwanesi in modo tale che l’idea di una decisione volontaria dei cittadini di Taiwan di fondersi con la Cina comunista è ora impensabile. Poiché i cittadini dell’isola si sono impegnati nell’autogoverno, il loro senso di se stessi come taiwanesi, piuttosto che come cinesi, è cresciuto in modo esponenziale. Notevolmente meno del 10% della popolazione si identifica come cinese e gran parte di quella porzione è confinata a un segmento che invecchia. Tuttavia, nonostante i cambiamenti a Taiwan e il cambiamento fondamentale nel panorama della sicurezza asiatico, l’idea di uno status quo che governa la politica americana che non deve essere disturbata persiste ostinatamente nei circoli politici e analitici. Ma quello status quo si basa sull’incertezza sul fatto che Washington non prende posizione sul fatto che Taiwan sia o meno una parte della Cina e se gli Stati Uniti verrebbero in difesa di Taiwan se fosse attaccata dalla Cina. E mentre si dice spesso che queste politiche hanno mantenuto la pace per decenni, il fatto è che ciò che ha mantenuto la pace è stata la potenza americana e la relativa debolezza cinese.
Tutti questi cambiamenti hanno lasciato gli Stati Uniti male se lo fai, dannato se non prendi posizione. Il presidente Biden, non estraneo alle osservazioni improvvisate che devono “tornare indietro” da parte del personale, ha semplicemente affermato l’ovvio quando ha affermato che gli Stati Uniti aiuterebbero a difendere Taiwan se fosse attaccato. L’importanza strategica di Taiwan lo richiede. Ma Pechino legge il cambiamento negli equilibri di potere come un’inclinazione a suo favore. Potrebbe più credere di dover “attendere il suo tempo” nel chiamare il bluff dell’America sulla difesa di Taiwan. Date le circostanze, non sorprende che Pechino si senta libera di sfidare Pelosi, che i leader cinesi insultano per il suo strenuo sostegno ai diritti umani dei cittadini cinesi. Cosa potrebbe fare la Cina per sostenere le sue minacce se andasse a Taiwan è impossibile da sapere dall’esterno. È anche impossibile sapere dall’esterno se il Pentagono sia giustamente allarmato o, come è stato in passato, riflessivamente cauto. Certamente negli ultimi mesi, Pechino è stata più disposta a correre dei rischi sfidando i voli americani e alleati e le operazioni navali nell’area. Ad alimentare ulteriormente la cautela del Pentagono sono indubbiamente le preoccupazioni sul fatto che l’esercito americano molto teso, dotato di equipaggio ridotto e disarmato stia affrontando una crisi militare anche dall’altra parte dell’Eurasia. Anche se Pelosi è delusa dal briefing che sta ricevendo dai funzionari della difesa e dell’intelligence, potrebbe comunque ragionevolmente rinviare al giudizio del ramo esecutivo secondo cui non è il momento di visitare Taiwan poiché sarà il ramo esecutivo che si occuperà di qualunque cosa accada . Detto questo, i danni alla credibilità americana nella regione se Pelosi non va sono considerevoli. Pechino avrà preso la misura di un’altra Casa Bianca americana e l’avrà trovata più corteccia che morso. Non c’è modo di aggirare il fatto che non sembrano esserci buone scelte ovvie qui. È stato suggerito che l’oratore possa andare in un altro momento, forse dopo il Congresso del Partito Comunista nel tardo autunno, quando c’è meno pressione su Xi perché mostri una mano forte. Ma Washington non dovrebbe illudersi che questo compenserà la sua decisione di non andare. Verrà letto in Cina, e forse altrove, come un segno che Pechino controlla il pulsante “vai” e “no go” sui viaggi. Inoltre, la Cina avrà imparato esattamente che tipo di segnali può inviare a causare Washington per iperventilare su una possibile crisi. Sconvolgere quell’aritmetica potrebbe essere una ragione sufficiente per far andare Pelosi. Se c’è qualche vantaggio nel dibattito sul fatto che Pelosis debba andare o meno, è che ha messo in luce la debolezza della posizione americana nei confronti di Taiwan. Al Congresso e nelle successive amministrazioni, gli Stati Uniti hanno discusso un gioco molto più duro sull’aumento del sostegno a Taiwan e sulla sfida del comportamento aggressivo della Cina nei confronti dell’isola democratica. Quello che non ha fatto abbastanza è sostenerlo con diplomazia e risorse militari sufficienti. L’esercito americano è ben a corto di essere in grado, con fiducia, di scoraggiare l’aggressione cinese. E i budget per la difesa di Biden per il futuro non riescono a colmare quel divario. Se gli Stati Uniti vogliono evitare di dare il sopravvento a Pechino in futuro, dovranno diventare molto più seri nel costruire quel tipo di “potere duro” che gli consenta non solo di parlare ma anche di camminare.
Ellen Bork, collaboratrice editoriale di American Purpose, scrive di democrazia, diritti umani e politica estera americana. Gary J. Schmitt è ricercatore presso l’American Enterprise Institute, dove scrive di questioni costituzionali e di sicurezza nazionale.