I giuramenti d’amore non arrivano all’orecchio degli dei – Callimaco

P. Oxy. XI, 1362 (II sec.). Pagina manoscritta del fr. 178 Pf. dagli Aitia di Callimaco.

L’ignoto lettore che commenta con lo psudonimo di “Callimaco” non se ne avrà a male se lo associo a una questione che mi appassiona parecchio in tema di diritti civili, ovvero se esista o meno un complotto mondiale che sostiene la cultura LGBT.

La questione me la sono posta da diversi anni e mi apparve in tutta la sua forza quando osservai che in tutte le scuole di ogni ordine e grado di New York si sostenevano i diritti di quanti si sentono discriminati nelle cosiddette questioni di genere, orientamento sessuale e quant’altro. Notai anche che su alcune bacheche affisse all’esterno delle scuole appariva l’inconfondibile “arcobaleno”.

Non vi voglio dire la sensazione che mi fanno certi discorsi di Kirill o Dugin in materia, andate a cercarveli, sicché ho avuto un lampo e con Google ho associato “LGBT” e “masonry”: ecco il risultato

1 November 2022

One of the foundations of Freemasonry is inclusivity and equality and UGLE works hard to ensure members’ of all backgrounds are supported and represented, especially those that identify as LGBTQ+. One of the most common frequently asked questions, which we are going to explore in this post, is: Can you be gay and still be a Freemason?

The answer is a resounding yes, Freemasonry takes pride in its core values of inclusivity and welcomes new members no matter their race, religion and sexual orientation.

To help celebrate Pride month and give the spotlight to some of our more diverse members, we sat down with Mitch Bryan, 32, to discuss how he has found being an openly gay Freemason.

Mitch has been a member of the Freemasons for over ten years, being initiated when he was just 22 into the Royal Sussex Lodge of Emulation No.355 in Swindon and is now Worshipful Master.

The 32-year-old, who works for an energy company, has lived in London for 16 months and currently lives with his partner Tom in Chiswick.

We interviewed Mitch who shared his Freemasonry journey with us and explained how coming out to his Brethren helped ‘instill’ him with the power to be himself. CONTINUA

Sulla autorevolezza e vetustà della United Grand Lodge of England non si discute e nemmeno si discute che sia nato qualcuno capace di imporre un tema qualsiasi a tale loggia.

Tornando a Callimaco, sia ben chiaro che il senso del post non è un incitamento al tradimento del vincolo coniugale, quanto la possibilità che esistano soggetti oscillanti tra il piacere dell’ostrica e quello della lumaca.

Molti anni fa, quaranta, un famoso sociologo, Giampaolo Fabris, mi convinse che la repressione della sessualità che raggiunse vette notevoli in epoca vittoriana, giusto per rimanere in Inghilterra, fosse legata alla necessità per il capitale che tutte le energie del corpo fossero indirizzate alla produzione delle merci e non dissipate nella soddisfazione dei bisogni dell’individuo.

La battaglia continua.

Alberto Massari