L’esercito turco è pronto. Anche i patrioti curdi

turchi

Provate a leggere questa foto facendo proporzioni spannometriche tra le dimensioni degli umani, in veste di equipaggio, gli alberi/arbusti e la macchina bellica.

Poi provate a ricordare che l’esercito turco, a cui appartengono i carri armati fotografati, è il più “forte” della NATO tra quelli dislocati in questo lembo del Pianeta. Aggiungente, nella formula alchemica, il coraggio e la determinazione delle donne e degli uomini curdi, patrioti come pochi altri. Siamo ancora una volta in presenza della soluzione facile-facile (massacrare l’altro da se) che i sanguinari oligarchi imbecilli serrati (per ora) intorno ad Erdogan, hanno scelto.

Sono cresciuto nel mito dei patrioti magiari in armi contro i carri sovietici. Era il 1956 e non ebbi dubbi per chi parteggiare, pur avendo solo 9 anni.

Buona fortuna cittadini curdi veri fieri avversari (vittoriosi) dei mostri, in quel momento, “targati ISIS”.

Oreste Grani/Leo Rugens